Newsletter globale n.89

Fermate la corsa! 🌍

Friday, June 14, 2024 by Extinction Rebellion

Ribelli e attivisti di 9 movimenti panafricani protestano davanti al Vertice sulle Energie Africane a Londra.

Questo numero: La ribellione spagnola | Fermare la corsa all'Africa | La crescita uccide! |

Caro ribelle, cara ribelle

Il mese scorso è stato il maggio più caldo mai registrato, segnando un intero anno di continui record di temperature globali e offrendo ulteriori prove che il sistema meteorologico del pianeta si sta disfacendo.

Mentre 600.000 persone erano sfollate a causa di inondazioni senza precedenti nel sud del Brasile, nel nord del Paese si registrava un'ondata di caldo da record. Mentre la gente moriva per un colpo di calore nell'aria a 52,3°C di Delhi, nell'India orientale annegava sotto le piogge di un ciclone.

Questo è il mondo che ci hanno regalato i combustibili fossili, con un clima estremo che sta raccogliendo distruzioni casuali in quasi tutte le regioni del mondo contemporaneamente. Non c'è da stupirsi che gli scienziati del clima siano disperati.

Una settimana di ribellione spagnola si conclude con una marcia nel centro di Madrid.

Ma il mese scorso ha visto anche i ribelli insorgere per abbattere l'industria dei combustibili fossili e impedirci di scivolare ulteriormente in questa nuova norma di clima micidiale e caos.

In Azioni in evidenza, riportiamo una spettacolare settimana di ribellione in Spagna che ha preso di mira i sussidi ai combustibili fossili. Inoltre, raccontiamo di come XR UK e un'alleanza di gruppi africani abbiano disturbato i dirigenti del settore petrolifero mentre pianificavano l'ennesimo saccheggio dell'Africa durante un vertice segreto a Londra.

Per Membri di XR parliamo con un incredibile giovane ribelle che resiste all'industria petrolifera nella Repubblica Democratica del Congo, dilaniata dalla guerra, e nel Angolo della Solidarietà tracciamo il profilo di Growth Kills, un nuovo gruppo che denuncia come il nostro sistema economico dipendente dalla crescita ci tenga legati all'era dei combustibili fossili.

Growth Kills blocca la Commissione europea in vista delle elezioni europee.

Per concludere con una nota positiva, uno scienziato del clima dell'IPCC è stato eletto presidente del Messico, la prima volta che uno scienziato del clima diventa un leader nazionale.

Per un Paese che soffre di una serie di ondate di calore micidiali e per una capitale che sta per esaurire l'acqua, la fine del business-as-usual non arriverà mai abbastanza presto. Se taglierà i ponti con il suo predecessore favorevole ai combustibili fossili e realizzerà le promesse verdi della sua campagna elettorale, potremmo finalmente avere un leader mondiale in cui credere.


Questa newsletter è disponibile in più lingue. Utilizzate l'icona del mappamondo (in alto a destra) per cambiare lingua.

Iscriviti a questa newsletter

Questa newsletter è realizzata da XR Global Support, una rete mondiale di ribelli che aiutano il nostro movimento a crescere. Abbiamo bisogno di soldi per questo lavoro cruciale.

Dona quello che puoi


Contenuti

  • Azione in evidenza: Ribellione spagnola, Fermare la corsa per l'Africa
  • **Paesi Bassi, Irlanda, Stati Uniti, Australia, Germania, Repubblica Democratica del Congo, Bolivia, Sudafrica, Francia, India, Regno Unito, Uganda
  • L'angolo della solidarietà: la crescita uccide!
  • Il libro del mese: Il mondo fatto a mano
  • Membri di XR: François, RDC
  • Consigli di lettura: Discorso di Equinor, disperazione degli scienziati del clima, costi della crisi
  • Annunci: Ruoli di supporto globale XR disponibili

Azioni in evidenza

La ribellione spagnola finisce in grande stile a Madrid

18 MAGGIO, 26 MAGGIO-2 GIUGNO | Madrid, Barcellona, Pamplona, Gijón, Spagna

I ribelli di tutta la Spagna sfilano a Madrid con una piattaforma petrolifera e un albero. Foto: Mar Sala

Madrid si è trasformata in un festival di colori, musica, balli e disordini, mentre i ribelli provenienti da tutta la Spagna si sono riuniti nella capitale per chiedere la fine dei sussidi ai combustibili fossili.

Più di 150 attivisti hanno occupato la Gran Vía, la strada più famosa della città, e hanno messo in scena per gli acquirenti sorpresi e la polizia un pozzo di petrolio, una finta fuoriuscita di petrolio, un die-in e un albero gigante che rappresenta un nuovo percorso per l'umanità.

I ribelli hanno poi fatto sfilare il loro albero per il centro di Madrid, fermandosi in una delle piazze pubbliche più frequentate della città per ascoltare discorsi e portare fiori alle pietre del selciato. Nonostante le proteste non annunciate siano illegali in Spagna, gli abili mediatori ribelli si sono avvicinati rapidamente alla polizia e non ci sono stati né arresti né multe.

XR Barcellona ha occupato il porto mentre i ribelli spruzzavano i mega-yacht.

La manifestazione è stata la più grande azione di XR Madrid dopo la pandemia e ha concluso in modo spettacolare una settimana di ribellione nazionale lanciata nell'ambito della campagna Stop ai sussidi UE alle energie fossili.

All'inizio della settimana, i ribelli di Barcellona si sono uniti a Scientist Rebellion per spruzzare diversi mega-yacht con vernice nera biodegradabile, condannando l'inquinamento del turismo di lusso in una regione che ha subito tre anni di siccità senza precedenti.

XR Pamplona ha tappezzato la propria città di murales raffiguranti cattivi immaginari come Freddy Krueger e Chucky, chiedendo il mantenimento dei sussidi per le fonti fossili. Nel nord del Paese, XR Asturies ha bloccato una importante acciaieria di Gijón, evidenziando come l'industria siderurgica faccia un uso intensivo di combustibili fossili.

Il giorno in cui il governo spagnolo ha riconosciuto formalmente lo Stato di Palestina, XR Madrid e un'alleanza di altri gruppi hanno inscenato un sit-in in una delle principali stazioni ferroviarie, condannando l'ipocrisia del loro governo che continua a fare affari con Israele.

XR delle Asturie bloccano l'ingresso di un'acciaieria. Foto: David Aguilar Sánchez

XR Madrid è stata duramente colpita dalla pandemia, poi è stata nuovamente scossa quando nel 2023 è stato rivelato che un ribelle era una spia della polizia. Nel febbraio di quest'anno, il gruppo è stato multato di oltre 20.000 euro per aver cercato di impedire l'abbattimento di 600 alberi in un parco pubblico.

Ma i ribelli si sono dimostrati resistenti e sono stupiti del successo con cui hanno unito XR Spagna per portare a termine questa ribellione. Il loro obiettivo è continuare a costruire connessioni con i gruppi XR e altri movimenti in tutto il Paese e svegliare l'opinione pubblica e i media spagnoli sul fatto che la crisi climatica si sta verificando proprio ora.

Seguite XR Spagna usando questo linktr.ee


Fermate la corsa all'Africa!

14-15 MAGGIO | Londra, Regno Unito

Ribelli e attivisti africani si radunano davanti a una conferenza sull'energia africana a Londra.

XR UK e i gruppi alleati hanno affrontato i delegati e fatto molto rumore fuori dall'Africa Energies Summit, una conferenza di tre giorni in cui i dirigenti delle Big Oil e i loro referenti politici hanno pianificato il saccheggio del petrolio e del gas rimasti nel continente.

Il luogo del summit è stato tenuto segreto anche ai delegati fino a 24 ore prima dell'inizio, nella speranza di tenere a bada i manifestanti. Ma i ribelli erano in attesa fuori dalla sede quando 500 delegati sono arrivati per la colazione VIP di apertura e sono stati spinti dalla sicurezza mentre cercavano di bloccare le porte.

La mattina dopo, i ribelli si sono uniti alle organizzazioni panafricane per dare il benvenuto ai delegati agitati e poi fare abbastanza rumore da interrompere i colloqui all'interno. Dopo un coro di vuvuzelas e un'esibizione di tamburini senegalesi, gli organizzatori del vertice hanno chiamato la polizia. I ribelli hanno negoziato con la polizia per garantire il tempo per i discorsi e una finta cerimonia di premiazione per le compagnie petrolifere disoneste nelle vicinanze.

Oltre agli attivisti, i delegati in arrivo hanno dovuto superare gli XR Oil Slickers.

Gli oratori hanno paragonato l'ultimo tentativo del vertice di accaparrarsi le riserve di petrolio e di gas al saccheggio coloniale dell'Africa nel 1880. Mentre le compagnie produttrici di combustibili fossili sostengono che porteranno "progresso", i Paesi africani hanno esportato petrolio per decenni e i risultati sono stati devastanti.

I principali produttori di petrolio dell'Africa, come la Nigeria e Sud Sudan, sono ancora afflitti da estrema povertà e 600 milioni di africani non hanno accesso all'elettricità. Il continente è stato avvelenato da fuoriuscite di petrolio e gas tossici in torcia, e le comunità sono state spezzate per far posto agli oleodotti.

L'Africa è unicamente vulnerabile al cambiamento climatico e, grazie al suo abbondante potenziale solare ed eolico, potrebbe essere il primo continente a emissioni zero. Ma le aziende produttrici di combustibili fossili non vogliono che ciò accada e il vertice del prossimo anno a Londra è già in fase di pianificazione. Ovunque finiscano i delegati, i ribelli li aspetteranno.

Seguite gli attivisti africani su Stop EACOP, Alliance 4 Food Sovereignty Africa, Home of Mother Earth, 350africa, Power Shift Africa, Don't Gas Africa, Africans Rising


Riassunto delle azioni

7 MAGGIO | Amsterdam, Paesi Bassi: I ribelli occupano una sala per viaggiatori abituali all'aeroporto di Schiphol, bloccandone l'ingresso e incatenandosi a un bancone. Hanno condannato le compagnie aeree come la KLM per la gestione di programmi che premiano e incoraggiano i voli frequenti, chiedendo invece multe per il comportamento ecocida.

9 MAGGIO | Dublino, Irlanda: XR Ireland ha interrotto a una cena formale della Irish Funds Industry Association, i cui membri includono investitori miliardari in combustibili fossili come BlackRock, JPMorgan Chase e Citibank. I ribelli si sono incollati agli ingressi e hanno costretto i partecipanti a passare attraverso la loro manifestazione per entrare. Un resoconto completo è disponibile sul sito XR Ireland.

12 MAGGIO | NYC, USA: Nel 2023, gli americani hanno speso 147 miliardi di dollari per i loro animali domestici, ma solo 1,2 miliardi di dollari sono stati spesi per proteggere la fauna selvatica in pericolo. XR NYC ha evidenziato queste priorità distorte interrompendo pacificamente una mostra canina, correndo su un percorso d'assalto canino e srotolando uno striscione con la scritta "No Dogs on a Dead Planet".

16 MAGGIO | Adelaide, Australia: Centinaia di attivisti, compresi i ribelli, organizzano un sit-in nel primo anniversario dell'introduzione delle leggi repressive anti-protesta. La polizia ha multato 8 manifestanti che si sono rifiutati di spostarsi dalla strada. Con le nuove leggi, la pena massima per l'ostruzione di un luogo pubblico è passata da 750 dollari a 50.000 dollari o 3 mesi di prigione. Foto: Peter Barnes

17 MAGGIO | Berlino, Germania & Butembo, RDC: I ribelli si riuniscono contemporaneamente in Germania e nella RDC per sottolineare come il popolo congolese venga sfruttato dalle aziende tecnologiche per le sue risorse naturali. Un negozio Apple a Berlino è stato imbrattato con vernice spray, mentre più di 200 attivisti si sono radunati all'esterno. Contemporaneamente, i ribelli hanno marciato a Butembo nella RDC, chiedendo che il Parco nazionale di Virunga sia protetto dall'estrazione di petrolio e gas e che il mondo riconosca che una transizione ecologica non può essere imbrattata con il sangue del popolo congolese.

20 MAGGIO | La Paz, Bolivia: L'orrore per la pulizia etnica dei palestinesi da parte di Israele alimenta una grande marcia attraverso la capitale boliviana. I ribelli si sono uniti a un'alleanza di manifestanti per radunarsi davanti alle ambasciate di Stati Uniti, Regno Unito e Germania per il loro sostegno all'imperialismo sionista genocida.

22 & 24 MAGGIO | Città del Capo & Vanderbijlpark, Sudafrica: In occasione della Giornata Mondiale della Biodiversità, XR Cape Town protesta contro l'uso di pesticidi cancerogeni su strade, parchi e altri spazi. Giorni prima, XR Vaal e i suoi alleati si sono radunati davanti all'assemblea generale del produttore locale di acciaio ArcelorMittal per chiedere un futuro decarbonizzato.

24 MAGGIO | Parigi, Francia: Nell'ambito della campagna LiquidationTotal, 600 attivisti provenienti da tutta la Francia si radunano davanti ad Amundi, il più grande gestore di patrimoni in Europa e principale azionista di TotalEnergies. I manifestanti si sono riversati nel foyer di Amundi mentre la società teneva il suo AGM, e la polizia antisommossa ha reagito violentemente, picchiando e trascinando le persone, arrestandone 200 a caso con accuse esagerate, tenendone 50 rinchiuse in un autobus per 6 ore, e mettendone molte altre sul ciglio della strada. XR France sta preparando una causa legale contro la polizia francese per la sua violenza.

25 MAGGIO | Globale: Le Madri* Ribelli tengono la loro quinta ribellione globale, con madri e alleati che formano circoli in 75 città in 26 paesi. Nella foto: Delhi, India.

26 MAGGIO-2 GIUGNO | Regno Unito e globale: XR UK blocca totalmente il più grande aeroporto per jet privati del paese, utilizzando treppiedi, serrature e una barca rosa per sostenere l'interruzione. L'azione fa parte di un'ondata globale di azioni contro i jet privati che ha visto gli aeroporti presi di mira in 8 paesi. Le azioni sono arrivate settimane dopo che un nuovo studio ha concluso che le emissioni climatiche prodotte dall'aviazione sono superiori del 50% rispetto a quanto riportato in precedenza.

27 MAGGIO | Kampala, Uganda: Attivisti e alleati di Stop EACOP vengono arrestati per aver protestato pacificamente davanti all'ambasciata cinese. La manifestazione è stata organizzata dopo le notizie secondo cui lo Stato cinese starebbe valutando di investire nell'oleodotto EACOP. I manifestanti si trovavano fuori dall'ambasciata in attesa di consegnare una petizione ai funzionari, ma la polizia li ha radunati e incarcerati sette durante la notte.


L'angolo della solidarietà: Growth Kills

Growth Kills, Scientist Rebellion e XR Belgium lanciano i loro 3 giorni di azioni in vista delle elezioni europee.

Sede della seconda più grande popolazione mondiale di lobbisti, Bruxelles è diventata un punto di riferimento per il business-as-usual. Ecco perché negli ultimi 18 mesi Growth Kills, un gruppo che si dedica a smantellare il presupposto che la crescita economica debba continuare, ha interrotto conferenze e bloccato edifici in città

"La nostra strategia consiste nell'interrompere le riunioni in cui si concentra il potere e nel costringere gli oratori a difendersi davanti al pubblico", spiega un organizzatore. "Incredibilmente, abbiamo persino ricevuto applausi da alcune platee. Questo dimostra quanto sia diventata ridicola la narrazione della crescita a tutti i costi."

Growth Kills ha 5 richieste per le istituzioni dell'UE: l'abbandono del PIL come indice di prosperità, la creazione di un'assemblea di cittadini sovrani per decidere il nostro futuro comune, leggi per far pagare alle imprese i veri costi sociali e ambientali delle loro attività, la fine del consumo eccessivo e della pubblicità che lo guida, e il ritorno delle risorse essenziali ai beni comuni in modo che siano libere per tutti.

Un attivista di Growth Kills blocca la Commissione europea.

In vista delle elezioni europee, Growth Kills ha collaborato con XR Belgium e Scientist Rebellion per tre giorni di azioni per chiedere un'economia in cui i confini del pianeta e il benessere di tutti abbiano la priorità sui profitti di pochi.

Il momento clou è stato il blocco della Commissione Europea, con gli attivisti che hanno attaccato le mani all'ingresso, impedendo ai lavoratori di entrare e brandendo striscioni che deridevano la crescita verde e il PIL. Un poster gigante è stato attaccato all'edificio con la scritta "Il futuro è la decrescita".

Growth Kills ha anche dato priorità all'impegno pubblico. Il gruppo ha trovato il tempo di parlare con le persone che facevano acquisti in città e di organizzare un workshop pubblico per demistificare la decrescita e presentare una visione positiva e pratica per il futuro. Il risultato è stato l'adesione di decine di nuovi membri e il sostegno di un importante scienziato dell'IPCC.

Growth Kills parla al pubblico in un affollato centro commerciale di Bruxelles.

"In precedenza, non abbiamo ottenuto molto coinvolgimento durante eventi pubblici come questo, ma con la campagna Growth Kills la situazione è cambiata. Le persone sono davvero in sintonia con noi ed esprimono la loro paura e la loro sofferenza. Cercano un cambiamento, una visione per qualcosa di migliore. Sembra che ci stiamo avvicinando a un cambiamento di paradigma", ha detto l'organizzatore.

Growth Kills crede che l'attivismo debba aiutare le persone a sfidare l'ideologia planetocida del capitalismo e a usare la nostra immaginazione collettiva per costruire un mondo felice. Ovunque vi troviate sul pianeta, hanno un action toolkit per aiutarvi a creare un gruppo di Growth Kills.

Unisciti a Growth Kills e segui la loro campagna su X.


Libro del mese

Il mondo fatto a mano, di James Howard Kuntsler

In questo romanzo, il primo di una serie, una piccola comunità nel nord-est degli ex Stati Uniti inizia a rimettersi in sesto dopo il crollo della civiltà. Il crollo sembra essere stato causato da una crisi economica e politica che ha superato un punto di svolta, ma in ogni caso l'uso dei combustibili fossili sembra essere finito o quasi.

Il mondo che ne risulta è brutto, ma solo perché la storia di fondo è piena di sconvolgimenti e tragedie, e anche perché la gente è per lo più idiota. La mancanza di combustibili fossili di per sé non sembra male. La trama è lenta ma non in modo negativo, i personaggi sono coinvolgenti e la costruzione del mondo è ricca di dettagli e ampiamente credibile.

Purtroppo, questo è un libro che parla solo di uomini bianchi. Se l'esclusione di personaggi non bianchi e l'emarginazione di quelli femminili siano intenzionali da parte di Kunstler o se siano semplicemente involontarie, potrebbe essere un interessante spunto di discussione, ma in ogni caso i pregiudizi sono in mostra.

Mondo fatto a mano vale comunque la pena di essere letto per la sua coinvolgente esplorazione di un possibile futuro post-fossile, per il suo onesto riconoscimento del cambiamento climatico come elemento di fondo costante (cosa stranamente rara nella narrativa) e per le importanti conversazioni che potrebbe favorire.

Evitare Amazon. Sostenete le librerie locali. Acquistate i libri presso Bookshop o Hive.


Membri di XR

François, XR Rutshuru, Repubblica Democratica del Congo

Mi chiamo François e sono un giovane difensore del clima e dei diritti umani nella RDC. Attualmente non sto studiando a causa del ripetersi del conflitto armato nella mia provincia del Nord Kivu dalla fine del 2022. In questo contesto di violenza, ho avviato XR Rutshuru per organizzare e mobilitare giovani volontari attraverso azioni non violente per chiedere una governance partecipativa e responsabile delle aree protette nella RDC.

Attraverso altri movimenti associati, come Amani Institute ASBL di cui sono co-fondatore, cerco di aiutare i membri della comunità a ricostruirsi psicologicamente nonostante le prove traumatiche che subiscono quotidianamente.

La motivazione che mi ha spinto ad avviare un gruppo XR locale è nata da questi eventi, in particolare dalla tragedia umanitaria senza precedenti e dagli effetti del riscaldamento globale che già si fanno sentire in modo acuto. Ho sfidato me stesso a dissuadere i giovani dall'unirsi a gruppi armati e a lavorare insieme per creare un cambiamento positivo nella comunità.

Ho partecipato a campagne come Fossil Free Virunga, Decolonize Virunga, Fossil Free DRC e attualmente sono coinvolto nella campagna #SaveVirunga. Stiamo facendo pressione sulle autorità congolesi affinché annullino le gare d'appalto per la vendita illegale di 27 blocchi petroliferi e di 3 blocchi di gas situati in aree protette vulnerabili, tra cui il Parco nazionale di Virunga, uno dei più antichi parchi nazionali dell'Africa, la cui conservazione garantisce il sostentamento di oltre 5 milioni di persone.

Essere un attivista per me significa permettere agli altri di raggiungere obiettivi comuni. Sono orgoglioso di essere un attivista perché sono convinto che la lotta che stiamo conducendo cambierà la storia. Ciò che mi motiva è l'indignazione per tutto ciò che stiamo vivendo. Mi dico che devo lavorare per rendere le comunità consapevoli dei problemi che dobbiamo affrontare, in modo che insieme possiamo chiedere conto ai nostri leader.

Questo lavoro è sempre più impegnativo e sempre più urgente. La situazione della sicurezza nella nostra capitale regionale Goma è peggiorata a tal punto che non siamo più in grado di organizzarvi attività. I ripetuti attacchi delle milizie sostenute dal Ruanda nella regione hanno causato sfollamenti diffusi.

Centinaia di migliaia di persone vivono in accampamenti di tende senza cibo, acqua potabile, servizi igienici o tetti - abbandonati dalle organizzazioni umanitarie internazionali. Goma stessa sta soffocando perché i villaggi che la riforniscono di cibo sono occupati dalle milizie.

Il mio messaggio ai compagni ribelli della XR è di chiedere la loro solidarietà in relazione alla crisi che stiamo attraversando a causa dell'ingiusta aggressione da parte del Ruanda e dei suoi partner estrattivisti. Chiediamo la fine di questa ipocrisia da parte della comunità internazionale. Il sangue del popolo congolese è stato a lungo versato liberamente, e questo deve finire.

Se conoscete (o siete) un ribelle con una storia da raccontare, contattate xr-newsletter@protonmail.com


Da leggere

I ribelli di Madrid chiedono la fine dell'era dei combustibili fossili. Foto: Mar Sala

Video: CEO del settore petrolifero colpito da "avidità inconcepibile" (4 minuti)
Un giovane attivista scozzese per il clima è stata invitata a parlare all'assemblea generale di Equinor, la compagnia petrolifera norvegese responsabile del più grande giacimento petrolifero non sviluppato del Regno Unito, Rosebank. Rivolgendosi direttamente all'amministratore delegato di Equinor e ai rappresentanti del suo azionista di maggioranza, il governo norvegese, li ha dato 4 minuti di cruda verità.

Articolo: Senza speranza e senza speranza: Perché i maggiori scienziati del clima sono in preda alla disperazione
Il Guardian ha chiesto a 380 scienziati del clima cosa pensano del futuro. Il 77% pensa che le temperature globali aumenteranno di almeno 2,5°C, mentre il 42% pensa che aumenteranno di più di 3°C. Solo il 6% pensa che il limite di 1,5°C sarà rispettato. Collettivamente, sono terrorizzati. Citando gli attivisti per il clima, uno scienziato ha detto: "Tutti questi giovani erano così carichi, così appassionati. Così ho detto che continuerò a farlo, non per i politici, ma per voi."

Articolo: Attraversare il Rubicone
Uno scrittore ribelle riflette personalmente sul futuro del mondo e del nostro movimento ora che le temperature medie globali hanno superato gli 1,5°C per oltre dodici mesi.

Articolo: L'impatto macroeconomico del cambiamento climatico
I danni economici causati dal cambiamento climatico saranno sei volte più grandi di quanto si pensasse in precedenza, rendendo la decarbonizzazione unilaterale economicamente vantaggiosa anche per grandi Paesi come gli Stati Uniti. Questa è la conclusione di questo documento, scritto da economisti dopo aver analizzato i cambiamenti della temperatura globale. Essi concludono inoltre che il PIL mondiale sarebbe oggi più alto del 37% se non si fosse verificato alcun riscaldamento tra il 1960 e il 2019. Beccatevi questo, neoliberisti.


Annunci

Assistenza globale XR: Abbiamo bisogno del vostro aiuto

Ruoli disponibili ora

Siete interessati a unirvi al team di XR Global Support e a lavorare con i ribelli di tutto il mondo?

Aiutiamo ad avviare e a far crescere i gruppi XR locali in tutto il mondo, offrendo formazione, risorse, supporto tecnico, comunicazione e altro ancora.

Per sostenere al meglio i gruppi locali, abbiamo bisogno di nuovi ribelli che ci aiutino! Tutto ciò che serve è avere accesso a un computer, un po' di tempo libero e un forte impegno nell'attivismo per il clima.

I ruoli sono ora disponibili nei seguenti team: Arts, Onboarding, Regen, Regional Liaisons, Trainings.

Per saperne di più sui team e sui ruoli disponibili, visitate il nostro sito web dei ruoli.


Grazie

Un petroliere di XR guarda i dirigenti del settore petrolifero che si precipitano al loro summit per discutere di come rovinare ulteriormente l'Africa e il mondo mentre si riempiono le tasche.

Grazie per aver letto, ribelle. Se hai domande o commenti, vogliamo sentirti. Contattateci all'indirizzo xr-newsletter@protonmail.com.


Questa newsletter è realizzata da XR Global Support, una rete mondiale di ribelli che aiutano il nostro movimento a crescere. Abbiamo bisogno di soldi per questo lavoro cruciale.

Dona quello che puoi



Sulla ribellione

Extinction Rebellion è un movimento decentralizzato, internazionale e politicamente apartitico che utilizza l'azione diretta non violenta e la disobbedienza civile per convincere i governi ad agire in modo giusto sull'emergenza climatica ed ecologica. Il nostro movimento è composto da persone di ogni estrazione sociale, che contribuiscono in modi diversi con il tempo e l'energia che possono mettere a disposizione. È probabile che abbiamo una filiale locale molto vicina a voi, e ci piacerebbe avere tue notizie. ... o .