Global Newsletter #54

Possiamo Contare sulla COP?

Friday, August 20, 2021 by Extinction Rebellion

Una carrozzina brucia davanti al Parlamento australiano dopo che il ministro dell'Ambiente ha fatto appello al "Duty of Care" ovvero un decreto specifico per proteggere i giovani dalla crisi climatica.

In questo numero: Una breve storia della COP | Poliziotto buono, poliziotto cattivo? | XR Australia

Introduzione

Caro ribelle,

Quest'estate c'è stato un terrificante aumento dei fenomeni meteorologici estremi. Ogni giorno sembra portare un'altra ondata di caldo record, un'altra alluvione devastante, un altro incendio incontenibile.

La scorsa settimana l'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite ha pubblicato il loro ultimo rapporto.
Otto anni di lavoro, coinvolti centinaia di esperti e firmato da quasi 200 governi, il documento rappresenta il consenso della scienza a livello globale riguardo il cambiamento climatico

La sua conclusione: le cose peggioreranno inevitabilmente. È necessaria un'azione rapida per garantire che le cose non peggiorino in modo catastrofico. E tutto questo è sicuramente colpa nostra. L'umanità è colpevole.

Una donna greca perde la sua casa a causa di un incendio sull'isola di Evia. Foto: Bloomberg

Naturalmente, non siamo tutti da biasimare. Mentre coloro che hanno fatto il minimo per causare questo caos muoiono di fame tra i campi aridi, quelli che hanno fatto di più gareggiano tra loro per lasciare del tutto il pianeta.

Gli stessi governi che hanno concordato i risultati del rapporto IPCC si incontreranno presto alla conferenza sul clima delle Nazioni Unite, COP26, per negoziare una risposta politica.

La COP26 viene annunciata dai leader mondiali che vi partecipano, e da gran parte dei media mondiali, come il luogo per un punto di svolta della crisi climatica, il momento in cui le parole devono diventare fatti e quest'emergenza a spirale diventi finalmente sotto controllo.

Ma cos'è la COP26? Come funziona? E se siamo arrivati fino a qui dopo 25 appuntamenti, perché l'edizione 26 dovrebbe essere diversa?

I ribelli marciano a Madrid durante la COP25 nel 2019.

In questo numero diamo uno sguardo sobrio alla COP26. Per una breve storia di queste 'Conferenze dei Partiti' e dei problemi da superare a novembre, vai a Momenti Salienti.

Lì troverai anche una serie di aspettative per il vertice realizzato da ribelli informati e provenienti da tutto il mondo.

Per una guida di base alla COP26, oltre a approfondimenti su ciò che deve essere raggiunto e su come funzionano effettivamente le negoziazioni, vai su Must Reads.

Infine, questo numero ha un pezzo affascinante sulle proteste dei ribelli in Australia, innescate dall'appello del loro ministro dell'ambiente contro una sentenza storica del tribunale che afferma che il governo ha il dovere di proteggere i giovani dalla crisi climatica (Duty of Care).

Di fronte a tale devastazione, a tale follia miliardaria, a tale autocompiacimento politico e vigliaccheria, è facile lasciare che la nostra ansia si trasformi in disperazione e sconforto.

Ma non dobbiamo permetterlo. Dobbiamo trasformarlo in rabbia, in rabbia amorevole, in ribellione.

Dobbiamo incontrare i nostri compagni ribelli per le strade, unirci all'ondata internazionale di ribellioni che sta per iniziare e mostrare ai nostri leader politici che questa "nuova normalità" non è accettabile.

Lasciati coinvolgere in XR ovunque tu sia! Dai un'occhiata al nostro sito web globale, scopri di più sul nostro movimento e connettiti con i ribelli nella tua zona.

La newsletter globale ti è offerta da XR Global Support, una rete mondiale di ribelli che aiuta i nuovi gruppi di XR a crescere. Leggi i numeri precedenti qui.

Siamo in una fase cruciale della storia umana e abbiamo bisogno di risorse per far sentire il nostro messaggio. Tutto ciò che puoi donare è apprezzato.

Supporta i Ribelli

Contenuti

  • Action Highlight: una breve storia di COP, COP buono, COP cattivo?, XR Australia
  • Riepilogo delle azioni: Svezia, Stati Uniti, Regno Unito, Argentina, Colombia, Bangladesh, Spagna…
  • Prossime azioni: Nordic Rebellion, UK Impossible Rebellion, XR Earth Fast
  • Annunci: Solarpunk Story Showcase, XR Youth Uganda Tree Crowdfunder
  • Must Reads: Speciale su COP
  • Libro del mese: Climate Action di Georgina Stevens
  • Umani di XR: John, 64, Scozia

Momenti Salienti

Una breve storia sulla COP

1-12 NOV | Glasgow, Scozia

Che cosa devono concordare i delegati alla 26a Conferenza delle Parti (COP26) affinché possa essere considerata un successo? Che cosa, se non altro, hanno ottenuto i COP precedenti? Dobbiamo essere fiduciosi che quest'anno si arriverà ad una svolta?

Ritardata di un anno a causa della pandemia, la COP26 è citata come critica, classificandosi in modo significativo insieme alla COP3 del 1997, quando è stato istituito il protocollo di Kyoto; e la COP21 del 2015, che ha portato all'Accordo di Parigi per mantenere l'aumento della temperatura globale al di sotto dei 2°C, preferibilmente a 1,5°C.

Conclusione della COP21 con l'accordo di Parigi.

Nonostante le 'svolte' della COP3 e della COP21, un rapporto delle Nazioni Unite dello scorso anno ha confermato che anche se gli attuali impegni sulla riduzione delle emissioni nell'ambito dell'accordo di Parigi fossero rispettati, il mondo sarebbe comunque diretto verso un catastrofico aumento di 3,2°C in questo secolo. I livelli di ambizione nell'accordo di Parigi devono essere triplicati per raggiungere i 2°C e aumentati di oltre cinque volte per raggiungere 1,5°C.

La COP26 deve anche concordare una risposta agli eventi meteorologici estremi, in particolare nel sud del mondo, dove milioni di persone stanno già soffrendo per i gravi cambiamenti climatici. Organizzazioni come Climate Action Network stanno sollecitando i paesi sviluppati, che sono in gran parte responsabili per la crisi climatica, ad includere l'impatto della loro emissioni di gas serra nella definizione di nuovi obiettivi; questo è indicato come "contabilità equa".

Ma le nazioni più ricche devono ancora mantenere la promessa fatta alla COP15 nel 2009, di fornire almeno 100 miliardi di dollari all'anno entro il 2020 per aiutare i paesi in via di sviluppo ad adattarsi ai cambiamenti climatici.

Foto: Climate Action Network.

Infine, la COP26 deve rendere vincolanti i suoi accordi (i contributi stabiliti a livello nazionale o i cosidetti Nationally Determined Contributions (NDCs) esistenti rientrano in una sezione non vincolante dell'accordo di Parigi!), oppure istituire sistemi per far rispettare e monitorare questi impegni per gli anni a venire.

L'ultimo COP a Madrid assolutamente fallimentare mirava già a risolvere questi problemi, nonostante i due giorni in più rispetto al programma. Ci sono stati pochi progressi sugli NDCs, con economie in via di industrializzazione come la Cina e l'India che sostengono che i paesi ricchi devono guidare, il tutto adottando obiettivi più modesti. C'era anche un focus sui mercati del carbone alla COP25, visto da molti come una truffa per consentire ai paesi ricchi di continuare a bruciare combustibili fossili mentre pagano i paesi poveri per far fronte agli impatti negativi.

Greta Thunberg parla alla COP25 di Madrid.

C'è motivo di credere che le cose andranno diversamente quest'anno? Non proprio. Il vertice del G7 di giugno, ad esempio, non è riuscito a compiere progressi significativi sui finanziamenti per il clima; non sono nemmeno riusciti a concordare un calendario per l'eliminazione graduale del carbone. Il Climate Ambition Summit dello scorso dicembre ha mostrato quanto siamo lontani dagli obiettivi dell'Accordo di Parigi: oltre il 60% dei paesi deve ancora presentare nuovi NDCs e i 74 paesi che li hanno presentati rappresentano solo il 13% delle emissioni globali di CO2.

I nostri leader ci deluderanno di nuovo, anche in questa ultima opportunità? Probabilmente. La continua escalation delle proteste nonviolente in tutto il mondo può portarci a una soluzione voluta dalla scienza? Pensiamo di sì!

COP Buono, COP Cattivo?

AGO | Ovunque

Mentre ci avviciniamo al prossimo grande vertice internazionale delle Nazioni Unite sul clima, abbiamo chiesto ai ribelli di tutto il mondo - dall'Indonesia a New York City, dall'Uganda al Regno Unito - di dirci come si sono sentiti riguardo alla COP26. Ottimista? Timoroso? Arrabbiato? Questo è quello che hanno detto.

Melissa, XR Indonesia

Personalmente, non spero molto dalla COP26, poiché la maggior parte dei negoziati viene condotta con l'unico interesse di proteggere le strutture delle economie esistenti. Qualunque cosa facciamo con il prodotto interno lordo (PIL) preso come riferimento, essa non si tradurrà nella giustizia climatica che meritiamo. Tuttavia, sono fiduciosa che la COP26 serva come un'ulteriore scintilla di slancio per una maggiore sete di cambiamento nei nostri paesi, poiché i leader non saranno più in grado di nascondere le loro false soluzioni e gli impegni deludenti, che dovrebbero invece spingere ad un corretto cambiamento del sistema ovunque nel mondo.

Moussa, XR Senegal

Terra di siccità, deforestazione, carestia, inondazioni, precarietà: l'Africa contribuisce fino al 4% ai gas serra. COP26, vogliamo la verità.

Cathy, XR COP26

Temo che i poteri della politica insieme ai profili legati ai più ricchi domineranno la COP26 e non riusciranno ad agire per riparare la catastrofe globale che le loro emissioni hanno creato. Sarebbe decisivo per l'intera umanità se si prendessero decisioni immediate, giuste e applicabili mantenendo le temperature al di sotto di 1,5 gradi di riscaldamento, e se queste soluzioni fossero davvero radicate nel nostro ecosistema.

XR Rebel, Africa

Poiché solo gli affiliati del governo vengono coinvolti nel processo decisionale durante il vertice, collaborando al greenwashing con gli organizzatori della COP26, arrivando probabilmente a risultati condizionati e negativi per la collettività. La COP26 rappresenterà in maniera errata il cambiamento climatico, così come la situazione riguardo la crisi ecologica e sociale. Non siamo fiduciosi!

Clare, XR UK

COP è impostato per far fallire di nuovo l'umanità. I negoziati internazionali non hanno mai avuto il mandato per cambiare le regole che guidano la crisi, né un mandato per affrontare il modello economico che guida la crisi. È sempre stato un decennio indietro rispetto al movimento verde; un spettacolo di preoccupazioni piuttosto che una piattaforma per il cambiamento. Per questo ci ribelliamo.

Dag, XR Norway

I negoziati COP hanno fallito per più di trent'anni. La Norvegia, ad esempio, è una sostenitrice dei negoziati internazionali sul clima e si vantava con orgoglio di essere stata una delle prime nazioni a firmare l'Accordo di Parigi nel 2015. Eppure continua a sovvenzionare pesantemente l'esplorazione petrolifera. Questo tipo di teatro di ipocrisie sabota i negoziati della COP.

Emma, XR Youth Uganda

Il mondo non può più chiudere un occhio quando i problemi della crisi climatica qui in Africa sono così critici. Non ci danno abbastanza visibilità sui media perché siamo in Africa. Allora saremo noi stessi i media in futuro.

Eric, XR New York

Vorrei che i politici smettessero di parlare e iniziassero a fare qualcosa per ridurre effettivamente la quantità di gas serra nell'aria. Gran parte di ciò che dicono sono semplicemente obiettivi per il 2030 o il 2050, piuttosto che riduzioni effettive dei livelli odierni. Ma il caldo record nella Columbia Britannica e in Sicilia si sono verificati nel 2021 - quest'estate, non tra decenni - così come le inondazioni record in Cina e Germania, uniti a tutti gli incendi in tutto il mondo. Agisci ora, prima che sia troppo tardi.

Rebel, XR Rwanda

Sarebbe meglio se ci rendessimo conto che siamo tutti in debito con il pianeta in qualche modo. Il compito per tutti é di essere disposti ad identificarci in modo responsabile ed onesto con quel debito e agire con urgenza.

Orthalia, XR Sud Africa

La situazione in Africa merita un'attenzione particolare alla COP26. I paesi africani hanno bisogno di una piattaforma per rispondere alle loro esigenze: il continente contribuisce con le minori emissioni ma ne subisce le conseguenze. I paesi sviluppati devono smettere di spostare le proprie responsabilità sul clima, in particolare per quanto riguarda le emissioni cumulative di gas serra.

Duty of Care: Ribelli dipingono il parlamento

6 & 10 AGO | Canberra, Australia

L'8 luglio, la ministra australiana per l'ambiente è stato chiamata presso una corte federale e dovrà rispondere al "dovere di diligenza" (duty of care) per proteggere i giovani dalla crisi climatica. Ha immediatamente fatto appello. Siamo sconvolti.

I ribelli hanno risposto con una serie crescente di proteste dirompenti per il "dovere di diligenza". A seguito di un caos artisticamente sanguinoso al dipartimento dell'agricoltura, dell'acqua e dell'ambiente, che ha portato a cinque arresti. I ribelli sono tornati due giorni dopo coperti di sangue finto, spruzzando vernice rossa sul pavimento e incollandosi alla reception con il risultato di altri otto arresti.

Un attivista ricorda alla ministra dell'Ambiente Sussan Ley del "dovere di diligenza" nel suo posto di lavoro.

Ancora più drammatica è stata l'azione al Parlamento pochi giorni dopo, dove i ribelli si sono incollati al cortile, hanno imbrattato con lo spray le pareti esterne con scritto "Duty of Care" e hanno dato fuoco ad una carrozzina. Hanno anche verniciato la recinzione della residenza del primo ministro. Questa azione ha finalmente ottenuto sia l'attenzione dei media che la pubblicità che i ribelli stavano cercando, mentre i notiziari si affrettavano a coprire il dramma e il numero di reclutamenti XR aumentava. Ancora una volta, otto persone sono state arrestate, questa volta con sette rimaste in carcere in attesa di giudizio.

I ribelli inviano un messaggio chiaro al ministro dell'Ambiente australiano.

In una prevedibile risposta di un leader che in una recente conferenza stampa ha accusato i paesi in via di sviluppo come causa dei cambiamenti climatici, il primo ministro Scott Morrison ha condannato le azioni come "proteste egoistiche" e "follia". Ha trascurato di riconoscere il fatto che, facendo appello contro la sentenza federale sul "dovere di diligenza", il governo sta combattendo egoisticamente per il suo diritto di continuare a danneggiare le generazioni future.

L'ingresso del ministero dipinto mostra la negligenza criminale del governo.

Più incoraggiante è stata la risposta dei giudici, che hanno ripetutamente dichiarato di rispettare le azioni dei ribelli e di preoccuparsi del preoccupante futuro dei propri nipoti. Incontrando alcuni arrestati al supermercato, un giudice ha persino detto "Sono contento di averti incontrato perché mi hai trasmesso un po' di speranza."

Connettiti con XR Australia e segui le loro attività qui.


Riepilogo delle azioni

6 AGO | New York, Stati Uniti: I ribelli in topless si sono incollati alla lobby degli studi della NBC, chiedendo alla società di notizie della rete di dire la nuda verità sulla crisi climatica. Foto: Alex Nawrocky

2 AGO | Londra, Regno Unito: Un prete ribelle che fa parte di XR Christians si chiude la bocca fuori dalla News Corporation per protestare contro il ruolo di Rupert Murdoch nel silenziare la scienza sul clima. Foto: Joshua Windsor

1 AGO | Bangladesh: Giovani attivisti per il clima protestano contro la COP26, affermando che la conferenza sul clima non è inclusiva, in particolare la pre-COP che si terrà a Milano . Essi non si sentono rappresentati.

\ 1 AGO | Londra, Regno Unito: I ribelli si sono uniti ai gruppi Panafricani in una "Reparations Rebellion" (tradotto dall'inglese ribellione della riparazione) per protestare contro la continua distruzione e sfruttamento del Sud del mondo da parte del Nord del mondo.

\ 31 LUG | Londra, Regno Unito: Una ribelle incinta scopre il pancione e chiede la fine dei nuovi progetti riguardo i combustibili fossili: questa é la nuova richiesta di XR UK per la sua prossima ribellione di due settimane a Londra. Foto: Gareth Morris.

\ 30 LUG | Argentina, Colombia, Irlanda, Canada (tutte nella foto): I gruppi ribelli di tutto il mondo si sono uniti per protestare contro la fratturazione idraulica (fracking) e il colonialismo climatico che consente alle compagnie petrolifere di devastare il Sud del mondo portando il gas crudo nel Nord del mondo.

28 LUG | Londra, Regno Unito: Insurance Rebellion espone il greenwashing agli uffici di Lloyds per evidenziare come la compagnia assicurativa guadagna dall'estrazione di combustibili fossili. Foto: Denise Baker

25 LUG | Spagna: I ribelli solitari hanno bloccato le strade e le piazze delle città di tutta la Spagna per la coordinata "Ribellione di Uno". Puoi guardare la raccolta di immagini con molti altri a seguire. La traduzione del cartello: Mi terrorizza sapere che i più giovani non hanno futuro a causa della crisi climatica.

15-17 LUG | Regno Unito: Animal Rebellion ha bloccato l'unica fabbrica che produce hamburger per tutti i ristoranti McDonalds nel Regno Unito. 50 ribelli si sono accampati fuori, hanno bloccato la strada, hanno montato strutture e hanno scalato il tetto della fabbrica, bloccando nove milioni di hamburger per oltre 62 ore.


Prossime Azioni

Ribellione nordica: bandire il petrolio, non bandire le persone!

21 - 29 AGO | Oslo, Norvegia

Abbiamo il dovere di disobbedire ad un sistema che distrugge la vita sulla terra ed è profondamente ingiusto.

Questo agosto entreremo nella capitale scandinava del petrolio nella più grande azione di massa di sempre in Scandinavia!

Molti di noi si uniranno ad azioni pubbliche e affronteranno arresti ed accuse. Prendi l'impegno di essere arrestato a Oslo quest'estate. Il tuo coraggio è fondamentale per cambiare questo sistema tossico!

Calendario: 21: ARRIVO | 22: FORMAZIONE | 23 - 28: RIBELLIONE | 29: RESOCONTO (DEBRIEF).

Ribelli uniti oltre i confini - iscriviti qui!

La ribellione impossibile!

23 AGO - 5 SET | Londra, Regno Unito e online

La Ribellione Impossibile avrà due elementi chiave:

CONVERSAZIONI SULLA CRISI: Tutti saranno invitati al tavolo per le nostre Conversazioni sulla Crisi - e lo intendiamo letteralmente! Per promuovere il potere dell'Assemblee Cittadine, i tavoli diventeranno un simbolo creativo di questa Ribellione: costruire cose, bloccare strade, dipingere, condividere cibo, parlarsi a vicenda.

FERMARE LA CITTÀ DI LONDRA: Concentrandosi sul centro della città, la Ribellione prenderà di mira la causa principale della crisi, l'economia politica. Dobbiamo fare pressione sulle più grandi istituzioni finanziarie che stanno alimentando questa emergenza e avviare un effetto a catena affinché altre istituzioni facciano pressione sul governo.

Scopri di più sulla Ribellione: iscriviti qui, prendi due settimane di pausa e dillo ai tuoi amici!

XR Earth Fast: è ora o mai più!

28 AGO | Globale

Il 28 agosto 2021, XR Earth Fast inizierà nei gruppi di tutto il mondo.

Ispirati dai gruppi tibetani coinvolti nello sciopero della fame e dai tanti coraggiosi attivisti attraverso i secoli che hanno usato questa forma di protesta per il bene più grande, i ribelli digiuneranno per periodi di tempo diversi - da un paio di giorni, a digiuni indefiniti - fino a quando tutte le nostre richieste saranno soddisfatte.

Il 2021 è l'anno più importante della storia dell'essere umano. Ora o mai più!

Per maggiori informazioni e per la registrazione ad uno dei tanti gruppi, visita il sito web di XR Earth Fast.


Annunci

Solarpunk Storytelling Showcase: invia la tua storia!

14 SET Deadline

XR Wordsmiths ha lanciato una Solarpunk Storytelling Showcase!

Puoi darci una visione del futuro remoto o del futuro più vicino! Puoi rendere la tua visione realistica o astratta, aliena e stravagante hai il solo limite della tua immaginazione.

Ma collocalo in un futuro in cui gli abitanti di questo "Pale Blue Dot" sono andati oltre la crisi climatica ed ecologica che attualmente lo minaccia e hanno creato qualcosa di meglio!

Scopri di più su come inviare la tua storia e seguici su Instagram e [Facebook](https:// www.facebook.com/XRWordsmiths).

XR Youth Uganda: Crowdfunding per piantare alberi

6 OTT Deadline

XR Youth Uganda sta finanziando un progetto per la piantagione di alberi nelle contee aride e semi-aride del nord Uganda.

L'obiettivo è che i giovani amanti degli alberi di queste comunità in prima linea possano piantare oltre un milione di alberi entro la fine del 2021.

Si prega di visitare la nostra pagina di crowdfunding, condividi con i tuoi amici e dona se puoi farlo!

XR Global Blog: Siamo alla ricerca di scrittori!

Pensi che manchi qualcosa alla copertura mediatica della crisi climatica ed ecologica?

Hai un forte desiderio di scrivere sulla crisi e cosa significa per la vita di questo pianeta?

Vuoi condividere i tuoi scritti con un pubblico globale e far parte di un team creativo e diverso?

Se è così, dovresti scrivere per il blog di XR Global!

Non è necessaria alcuna precedente esperienza di scrittura, solo passione e volontà di mettersi in gioco. Anche coloro che non hanno l'inglese come lingua madre dovrebbero scriverci!

Contatta xrglobalblog@protonmail.com per saperne di più. Il team di XR ti aspetta!

Mostra d'arte "Temple of the Lost Future": invia la tua opera d'arte!

27 SET - 3 OTT | Milano, Italia

XR MILANO sta organizzando una mostra d'arte internazionale durante la conferenza Pre-COP alla fine di settembre.

Invitiamo tutti gli artisti a partecipare inviando lavori che illustrano un nuovo modo di comunicare la crisi ecologica e climatica.

Per maggiori informazioni scrivi a xrartmilano@protonmail.com

Lettere alla Terra (Letters To The Earth): fai sentire la tua voce prima della COP26!

Letters to the Earth stanno raccogliendo i tuoi messaggi per un futuro migliore.

Scarica i kit con gli strumenti per scrivere le lettere da portare nelle tue scuole e comunità. Sono pieni di suggerimenti creativi, attività per connettersi con la natura e altri materiali didattici.

La campagna educativa darà vita ai tuoi messaggi, condividendoli con persone di tutto il mondo.

Cosa hai da dire? La cassetta delle lettere è aperta!

Guarda ora il trailer e vai su www.letterstotheearth.com per scrivere ed inviare la tua lettera.


Da Leggere

I ribelli protestano fuori dalla centrale elettrica più inquinante della Scozia, di proprietà di uno sponsor della COP26.

Benvenuto alla sezione "Da Leggere" (Must Reads) ribelle. Cos'è la COP26? Come posso unirmi alle proteste? Cosa deve succedere per finalizzare l'accordo di Parigi COP21? Perché la COP25 è andata così male, e comunque quali sono le alternative alle COP? Le risposte sono qui sotto, ribellati!

Risposte!

XR Scozia: Centro d'informazioni sulla COP26\ Una guida rapida alla conferenza, informazioni pratiche per i ribelli che vogliono partecipare alle proteste e cinque punti che dovrebbero essere seguiti da coloro che vogliono aderire.

Climate Action Network: COP26 - Adempiere l'Accordo di Parigi
Un rapporto dei paesi in via di sviluppo che delinea cosa ci si aspetta dai paesi sviluppati per garantire progressi reali a Glasgow. All'interno di queste pagine ci sono tracce della storica arroganza e delle promesse non mantenute delle nazioni ricche che hanno reso così passivi i precedenti COP.

Youtube: Boiling Point | Webinar COP26 (6 episodi da 1 ora)\ Questa serie di sei webinar creati dalla COP26 Coalition ti offre un riassunto di ogni conferenza, i grandi problemi ancora da risolvere, cosa aspettarsi dalla COP26 ed un pezzo dedicato al processo di negoziazione.

The Strait Times: 5 motivi per cui la COP25 è fallita\ I motivi includono la scarsa influenza del paese ospitante, la presenza di centinaia di lobbisti del petrolio, la testardaggine cinese di fronte alle promesse non mantenute dei paesi occidentali, un aumento globale delle correnti nazionaliste e Donald Trump. Uno di questi può essere cancellato dalla lista per la COP26. Per il resto?

Intelligencer: I colloqui sul clima delle Nazioni Unite sono falliti a Madrid - Cosa ci aspetta adesso?\ Fresco del fallimento della COP25, il giornalista David Wallace-Wells si chiede se possiamo mai aspettarci che i governi mondiali (e i lobbisti del petrolio) negozino un accordo sulla crisi climatica e quali potrebbero essere i meccanismi alternativi.


Libro del Mese

Climate Action, scritto da Georgina Stevens e illustrazioni di Katie Rewse

Questo interessantissimo libro è stato realizzato con un obiettivo chiaro: spiegare la crisi climatica ai bambini piccoli: permettendo loro di comprenderne le cause e gli effetti e prepararli verso azioni di prevenzione.

Ogni pagina è ricca di affascinanti illustrazioni, spiegazioni chiare di argomenti complessi e fatti illuminanti. Non saranno solo i lettori più giovani che si divertiranno a curiosare nelle pagine del libro, scommettiamo?!

Nel libro troverai mini-biografie di changemaker: giovani attivisti da tutto il mondo che hanno svolto un lavoro straordinario per guarire il nostro pianeta.

È importante sottolineare che è stata prestata attenzione verso i giovani lettori riguardo l'affrontare attivamente i molti problemi che un libro come questo solleva. E sebbene la speranza la influenzi, Stevens non esita a ritrarre quanto saranno devastanti alcuni degli effetti di questa crisi, in particolare sulla biodiversità.

Detto questo, mentre l'autrice fa un ottimo lavoro nell'approfondire tutti i tipi di controverse soluzioni - dai cambiamenti nella dieta alla riduzione del consumismo - il libro limita le soluzioni ad un livello individuale. I cambiamenti del sistema non vengono affrontati. Data l'età del pubblico, un simile approccio è comprensibile, ma la mancanza di una citazione alle assemblee cittadine - e del motivo per cui potrebbero essere preferibili alla nostra politica attuale - sembra un'occasione persa.

Tuttavia, c'è un'intera sezione su come diventare un'attivista, fare cartelli e convincere la propria scuola a dichiarare un'emergenza climatica. Può sembrare un libro impegnativo, ma in realtà è definitivamente adatto ai più piccoli, un testo con cui ogni bambino passerebbe volentieri del tempo libero.

Cerchi altro materiale di lettura sui ribelli? Dai un'occhiata alla Libreria ribelle gestita da XR Writers Rebel e avrai un elenco di letture consigliate a tema a cadenza mensile.

Evita acquisti su Amazon. Sostieni le librerie locali acquistando i tuoi libri su Bookshop.org o Hive.


Umani di XR:

John, 64, Scozia

Sono stato un architetto per 45 anni, e per gli ultimi 15 di questi sono stato un professionista della sostenibilità a tempo pieno che lavorava nell'ambiente delle costruzioni. Tra le altre cose, sono stato invitato a parlare al Congresso sulle energie rinnovabili delle ONU e ho contribuito a sviluppare il testo "Piano di ripresa economica sostenibile per l'Europa" durante il periodo 2010-2020.

Ho messo da parte il lavoro poco più di due anni fa per prendermi cura di mia moglie che ha problemi di salute mentale. In aggiunta ho rivolto la mia attenzione all'attivismo ambientale.

Mi sono unito a XR poco dopo aver rifiutato un invito del governo cinese a parlare ad un loro Congresso riguardo lo sviluppo delle città costiere sostenibili. Ho deciso che non avevo bisogno di andare dall'altra parte del mondo per avere il mio messaggio non preso seriamente!

Sono un membro dell'XR Glasgow, dove ci stiamo preparando per la COP26. Abbiamo parlato di varie attività che verranno svolte durante il programma, con particolare attenzione alla nostra risposta qualora un risultato insoddisfacente dovesse arrivare, incluso un potenziale blocco, sia esso simbolico o effettivo.

Le mie aspettative per la COP26 sono molto basse. Da un lato, non credo che il governo o le imprese siano disposte ad agire con l'urgenza di cui abbiamo bisogno. E d'altra parte, non credo che nessuno di noi capisca a che punto siamo sulla traiettoria verso il collasso ambientale.

Dobbiamo affrontare la posta in gioco - per l'umanità, ma anche per noi individui - e decidere qualora siamo preparati o meno ad affrontarlo.

Se conosci (o sei) un ribelle da qualche parte nel mondo con una storia da raccontare, contattaci a xr-newsletter@protonmail.com


Grazie

12 AGO | Stoccolma, Svezia Per celebrare la compagnia petrolifera svedese Lundin Energy che ha ottenuto una certificazione "CarbonZero" per la vendita di 600.000 barili di petrolio definitio "carbon-neutral", alcuni membri del consiglio dei ribelli hanno trasformato una fontana in verde e hanno fatto un buon lavaggio.

Grazie per essere arrivato fino a qui, ribelle. Se hai domande o feedback, vogliamo avere tue notizie. Mettiti in contatto con xr-newsletter@protonmail.com.

Siamo in una fase cruciale della storia umana e il nostro movimento ha bisogno di soldi per far sentire il nostro messaggio. Tutto ciò che puoi donare è davvero apprezzato.

Supporta i Ribelli


About the Rebellion

Extinction Rebellion is a decentralised, international and politically non-partisan movement using non-violent direct action and civil disobedience to persuade governments to act justly on the Climate and Ecological Emergency. Our movement is made up of people from all walks of life, contributing in different ways with the time and energy they can spare. Chances are, we have a local branch very close to you, and we would love to hear from you. Partecipa …or consider making a donation.

Fatto con amore e rabbia Extinction Rebellion (XR) è un movimento fare-insieme. Tutti i nostri disegni e opere d'arte possono essere utilizzati non commercialmente allo scopo di salvare il pianeta. Questo non significa creare merce per raccolta fondi o mandare ad XR una percentuale delle vostre vendite. Non appoggiamo o creiamo alcuna merce e perseguiremo legalmente chiunque lo faccia. Il simbolo è stato progettato nel 2011 dall'artista di strada ESP, il quale presta ad XR l'utilizzo del logo sulla stessa base: www.extinctionsymbol.info