Newsletter globale #88

La protesta pacifica vince!

Friday, May 10, 2024 by Extinction Rebellion

I ribelli in rosso festeggiano un blocco belga vicino al Parlamento europeo. Foto: Pieter Geens

Questo numero: Vittorie di aprile! | Blocco di Bruxelles | Facciamo respirare il lago Vittoria!

Caro ribelle, cara ribelle

Quando un piccolo gruppo di studenti ha piantato le tende alla Columbia University di New York per protestare pacificamente contro il genocidio di Israele a Gaza, nessuno poteva prevedere che avrebbe dato vita a un movimento mondiale.

Ma quando il preside dell'università ha deciso di chiamare la polizia antisommossa, 100 studenti sono stati brutalmente arrestati e l'indignazione ha portato alla nascita di accampamenti in solidarietà nei campus di tutta l'America e del mondo.

Per settimane gli studenti americani hanno sfidato la violenza della polizia, i media ostili, le folle fasciste e la condanna politica. Più di 2000 sono stati arrestati. Ma gli studenti non hanno ceduto e la loro audacia hanno fatto apparire deboli i leader mondiali, squilibrati i media occidentali e galvanizzato la causa palestinese ovunque. Hanno dimostrato con forza che la protesta pacifica può cambiare il mondo.

Uno studente che protesta in modo non violento viene arrestato dalla polizia antisommossa di Los Angeles. Foto: Eric Kelly

In questo numero, sottolineiamo il potere della protesta pacifica mettendo in luce alcune straordinarie vittorie ottenute dagli ecoattivisti nell'ultimo mese. Dal ritiro degli investimenti alle imprese alle sentenze storiche dei tribunali, fino alle concessioni politiche, il mese di aprile è stato ricco di vittorie per l'azione a favore del clima, e nel nostro Report speciale potrete scoprire sei delle migliori.

In Azioni in evidenza, ci occupiamo del blocco congiunto dei ribelli olandesi e belgi a Bruxelles, primo frutto di una nuova alleanza europea contro i sussidi ai combustibili fossili. Indaghiamo anche su un'altra alleanza di attivisti nella città keniota di Kisumu, dove i manifestanti stanno lottando per preservare la vita nella loro fonte d'acqua locale, il lago Vittoria.

Un'alleanza di giovani attivisti si sta facendo strada accanto al lago Vittoria, in Kenya.

Al momento in cui scriviamo, ci sono 151 campi pro-Palestina nei campus di America, Canada, Messico, Argentina, Irlanda, Regno Unito, Francia, Spagna, Germania, Turchia, Tunisia, Australia e Giappone. Manifestazioni studentesche si sono tenute anche in Italia, India e Libano. In Israele, a due studenti che si sono rifiutati di prestare servizio militare è stata prorogata la pena detentiva da un tribunale dell'IDF. Ci sono giovani eroi ovunque si guardi.

Una nuova generazione sta rifiutando l'orrore e l'ipocrisia del vecchio mondo e si sta unendo per farne nascere uno nuovo. Se gli studenti sono il nostro futuro, allora per una volta il futuro si prospetta luminoso.


Questa newsletter è disponibile in più lingue. Utilizzate l'icona del mappamondo (in alto a destra) per cambiare lingua.

Iscriviti a questa newsletter

Questa newsletter è realizzata da XR Global Support, una rete mondiale di ribelli che aiutano il nostro movimento a crescere. Abbiamo bisogno di soldi per questo lavoro cruciale.

Dona quello che puoi


Contenuti

  • Azioni in evidenza: Blocco di Bruxelles, lasciate che il Lago Vittoria respiri di nuovo!
  • Report speciale: 6 vittorie di aprile per ispirarci
  • Riassunto delle azioni: Serbia, Ungheria, Canada, Uganda, Regno Unito, Australia, Stati Uniti, Spagna, Ruanda, Svezia, Italia, Repubblica Democratica del Congo
  • Da leggere: Intervista a Vincent Bevins, Podcast di Swiss Court Win, Rivolta di Panama, Forever Chemicals
  • Annunci: Cacciate chi inquina dall'Africa, Appello di XR UK/Sud America, Liquidazione totale!

Azioni in evidenza

Violenza dalla polizia per fermare le sovvenzioni UE alle fonti fossili

4 MAGGIO | Bruxelles, Belgio

I ribelli rossi festeggiano l'arrivo dei bloccatori. Foto: Wouter van Leeuwen

Centinaia di ribelli provenienti da tutta Europa, tra cui pullman di attivisti olandesi, hanno subito violenza da parte della polizia durante un blocco pacifico a Bruxelles un mese prima delle elezioni europee.

270 ribelli hanno marciato lungo una strada accanto al Parlamento europeo, cantando e reggendo striscioni contro i sussidi ai combustibili fossili, prima di sedersi per bloccare l'ingresso di un tunnel. La polizia ha circondato i manifestanti che si sono rifiutati di andarsene, ammanettandoli con fascette di plastica, caricandoli su autobus e tenendoli in cella per ore.

Peggio ancora, un gruppo di 50 attivisti, tra cui famiglie, bambini e anziani, si era riunito in una vicina piazza pubblica per ascoltare i discorsi di un membro del Parlamento europeo e dell'ex relatore speciale delle Nazioni Unite. La polizia antisommossa ha chiuso anche questo raduno autorizzato, spingendo alcune persone a terra e picchiandole con i manganelli.

I ribelli sono stati inzuppati dalla pioggia battente piuttosto che dai cannoni ad acqua della polizia, e hanno usato braccialetti e colla per prolungare il blocco. Foto: Pieter Geens

In totale, 132 ribelli sono stati arrestati durante le proteste, frutto della collaborazione tra XR Belgio e XR Paesi Bassi organizzate da United for Climate Justice (UCJ), una nuova coalizione europea che coinvolge gruppi ecologisti di 15 Paesi diversi e che si ispira al blocco dell'autostrada A12 nei Paesi Bassi.

La campagna sull'A12 ha galvanizzato XR Netherlands, portando nuovi volontari e spingendo infine il parlamento olandese a proporre la fine dei sussidi ai combustibili fossili, la richiesta principale della campagna. Ma da quel momento, l'anno scorso, il processo politico si è arenato, adducendo come scusa la "complessità degli accordi europei". Per questo motivo UCJ sta espandendo la campagna per fermare i sussidi in tutta l'UE.

L'UE spende più di 405.000.000.000 euro all'anno per sovvenzionare i combustibili fossili, dieci volte di più di quanto spende per le politiche verdi. Ciò significa che il contribuente medio dell'UE è costretto a pagare circa 2.000 euro all'anno per distruggere il pianeta.

La campagna di UCJ ha già conquistato fan all'interno del partito politico dei Verdi europei, e i ribelli dei Paesi Bassi sono stati invitati a contribuire a un dibattito parlamentare nazionale sulla fine dei sussidi ai combustibili fossili a giugno. La speranza è che tutti i politici europei possano convincersi a smettere di finanziare la distruzione del pianeta.

Seguite la campagna Stop EU Fossil Subsidies.


Lasciate che il lago Vittoria torni a respirare!

19 APR | Kisumu, Kenya

Un'alleanza di ecoattivisti scende in piazza a Kisumu, in Kenya.

Decine di giovani attivisti hanno marciato per la città keniota di Kisumu, sulla sponda nord-orientale del Lago Vittoria, chiedendo al governo di proteggere la fonte d'acqua principale dall'inquinamento tossico e dalle erbacce infestanti.

Coordinata da Kisumu Environmental Champions, un'organizzazione comunitaria fondata da uno studente di 18 anni, e che ha riunito giovani attivisti di diversi gruppi, tra cui XR, Mothers' Rebellion e Friday's For Future, la giornata di azione è iniziata con una marcia di 10 km lungo il lago.

I partecipanti alla marcia hanno chiesto al governo keniota di intervenire immediatamente per "far respirare di nuovo il lago Vittoria" e fermare l'inquinamento prodotto dai combustibili fossili, i rifiuti di plastica e i giacinti d'acqua invasivi che stanno soffocando la vita al suo interno.

Le scorte ittiche del lago si stanno drasticamente esaurendo a causa dell'inquinamento, del riscaldamento e dell'acidificazione, mentre grandi quantità di rifiuti in plastica stanno intasando il più grande lago tropicale del mondo. Negli ultimi mesi i Champions hanno condotto diverse operazioni di pulizia del lago dalla plastica.

La pulizia della plastica e gli eventi ecologici nelle scuole sono diventati un appuntamento fisso a Kisumu.

Un altro aspetto fondamentale della giornata d'azione è stato l'educazione. I Champions hanno tenuto conferenze nelle scuole e nei centri comunitari locali su come i combustibili fossili e l'industria petrolifera portino i cambiamenti climatici, i rifiuti di plastica e l'inquinamento fino alle loro porte. Sempre più persone del posto si stanno unendo al movimento ambientalista.

Nonostante contribuisca a molto meno dello 0,1% delle emissioni planetarie, il Kenya sta subendo gli effetti del riscaldamento globale in misura maggiore rispetto ai paesi ricchi che ne sono i maggiori responsabili. Le recenti inondazioni a Kisumu e nella regione circostante hanno ucciso centinaia di persone e hanno causato migliaia di sfollati. La forza e la gravità delle inondazioni sono senza precedenti e la gente del posto ne prevede altre nelle prossime settimane.

Oltre a chiedere il ripristino del lago Vittoria, Kisumu Environmental Champions chiede che il governo firmi il Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili e approvi un Trattato giuridicamente vincolante sull'inquinamento da plastica.

L'alleanza di attivisti del gruppo sta pianificando molte altre azioni, tra cui un accampamento per il clima, una campagna per il trasporto sostenibile e la proiezione del film Shifting Power di Don't Gas Africa. Questi giovani attivisti sanno che il loro futuro è ora in bilico e stanno facendo tutto il possibile per promuovere la cura e il rispetto per il mondo vivente da cui tutti dipendiamo.

Seguite i Kisumu Environmental Champions su Facebook


Report speciale

6 vittorie di aprile che ci ispirano

8-24 APRILE | Globale

Le vittorie in Svizzera, Francia, India, Ecuador, Regno Unito e Svezia.

C'è qualcosa nel mese di aprile. Cinque anni fa, l'April Rebellion di Londra ha visto XR trasformarsi da gruppo marginale a fenomeno di protesta globale. Quest'anno, il mese di aprile ha visto i ribelli e i loro alleati ottenere una serie di potenti vittorie in tutto il mondo. Ecco sei delle migliori per ricordarvi che l'attivismo pacifico è davvero la risposta...

8 APRILE | Svizzera: La compagnia assicurativa Zurich abbandona il petrolio e il gas
Nel Numero 86 abbiamo parlato della campagna Insure Our Future, che ha visto azioni in 31 paesi contro le principali compagnie assicurative che sostengono progetti sui combustibili fossili. XR UK ha avuto un incontro con l'amministratore delegato di Zurich, la sesta compagnia assicurativa al mondo per i combustibili fossili, e settimane dopo l'azienda ha annunciato che non sottoscriverà più nuovi progetti sui combustibili fossili. All'assemblea generale della compagnia, i manifestanti hanno ricordato musicalmente a Zurich che "vi terremo d'occhio."

9 APRILE | Francia: La Corte europea dichiara illegale l'inazione per il clima
Le attiviste di KlimaSeniorinnen (Donne anziane per la protezione del clima) hanno vinto una causa storica presso la Corte europea dei diritti umani. Le donne svizzere sostenevano che le ondate di calore stavano rovinando la loro salute e limitando le loro vite, e la Corte ha dato loro ragione, stabilendo che l'inazione del governo sul riscaldamento globale stava violando i loro diritti umani. La sentenza significa che 46 paesi in Europa potrebbero ora essere oggetto di azioni legali analoghe per la loro negligenza nei confronti della crisi climatica. Per saperne di più, consultate il podcast nella sezione Da leggere.

10 APRILE | India: Gli abitanti dei villaggi bloccano l'enorme miniera di carbone di Adani. Un'enorme miniera di carbone è stata rispedita al tavolo da disegno dopo che gli abitanti di un villaggio indiano hanno vinto la causa contro il gigante del carbone Adani Group presso l'Alta Corte di Odisha. Il tribunale ha stabilito che Adani e il governo indiano non hanno consultato adeguatamente la popolazione locale sull'impatto della mega-miniera di Bijahan. Gli incontri con gli abitanti dei villaggi sono durati un solo giorno, nonostante la miniera minacciasse le loro case, la loro terra e i loro mezzi di sostentamento. Giorni dopo, scienziati e giovani attivisti nel Regno Unito hanno occupato un museo della scienza per protestare contro la sponsorizzazione di Adani.

21 APRILE | Ecuador: Il popolo dice no (di nuovo) ai tribunali delle multinazionali
Il popolo dell'Ecuador ha votato con forza per mantenere un articolo della propria costituzione che impedisce alle multinazionali di citare in giudizio il governo quando le leggi mettono in discussione i loro interessi. L'ISDS (Investor-State Dispute Settlement) è un contorto meccanismo legale usato da Big Oil per penalizzare i Paesi che adottano politiche climatiche progressiste. Nel 2012, un tribunale ISDS ha ordinato all'Ecuador di pagare a una compagnia petrolifera statunitense un risarcimento di 1,5 miliardi di dollari, pari al 135% del suo bilancio sanitario annuale. Nonostante gli sforzi dell'attuale amministrazione favorevole agli oligarchi, l'Ecuador rimane un esempio lampante di come i paesi possano sottrarsi a questo arbitrato farsesco, progettato per mandarli in bancarotta per essersi opposti alle multinazionali ecocide.

IL 22 APRILE | REGNO UNITO: Un ribelle con cartello sfida il giudice
L'anno scorso, una ribelle ha tenuto un cartello in silenzio fuori da un tribunale. Ricordava ai giurati che avevano il diritto legale di dichiarare le persone non colpevoli. L'ha fatto dopo aver assistito a un processo in cui agli imputati ecoattivisti era stato vietato dal giudice di menzionare il cambiamento climatico ed erano stati sottoposti ad altre misure repressive volte a impedire alle giurie di simpatizzare con loro. Il giorno seguente, il giudice l'ha fatta ammanettare, rinchiudere e interrogare da un team di avvocati governativi per oltraggio alla corte. Dopo quasi un anno e centinaia di attivisti che tenevano cartelli simili in segno di solidarietà, il caso è stato respinto dal tribunale e la ribelle, un'assistente sociale in pensione, è libera.

24 APRILE | Svezia: Restore Wetlands dichiara che il lavoro è finito!
In una conferenza stampa fuori dal parlamento svedese, gli attivisti di Restore Wetlands hanno annunciato che avrebbero liberato l'autostrada e avrebbero messo via la colla. Perché? Perché dopo due anni di blocchi stradali, di attenzione mediatica e di dibattiti, il 75% della popolazione svedese ritiene importante ripristinare le zone paludose del paese e tutti i partiti politici si sono impegnati a farlo, il governo ne ha addirittura fatto una questione prioritaria. Le vittorie sono raramente così dolci e totali, e gli attivisti stanno ora rivolgendo la loro attenzione all'industria ecocida della torba.


Riassunto delle azioni

4 APRILE | Belgrado, Serbia: Cibo sano e naturale o acqua tossica al litio? Questa è la scelta che i ribelli hanno offerto fuori dal Ministero delle Miniere e dell'Energia durante l'assemblea generale di Rio Tinto. La società mineraria sta pianificando l'apertura di una mega-miniera di litio in Serbia e le acque sotterranee della nazione sono a rischio.

9 APR | Budapest, Ungheria: I ribelli si radunano davanti all'hotel Marriott dove si sta svolgendo la conferenza sul gas naturale liquefatto (GNL) di Budapest. I ribelli hanno chiesto al loro governo di vietare nuovi progetti di combustibili fossili. Foto: Boglárka Nagy

9 APR | Toronto, Canada: Nove attivisti per il clima di Faith and Climate Action sono stati arrestati e multati per violazione di domicilio dopo aver formato un cerchio di preghiera all'interno di una filiale della Royal Bank of Canada. La RBC finanzia il gasdotto Coastal GasLink, che sta violando le terre Wet'suwet'en non concesse ed è il quinto maggior finanziatore di progetti sui combustibili fossili al mondo.

13 APR | Jinja, Uganda: XR Uganda Great Lakes collabora con le scuole dei villaggi del sud per ripristinare l'ambiente locale e piantare alberi. Giorni dopo, le proteste delle famiglie nel distretto occidentale di Buliisa sono state interrotte dalla polizia. Le famiglie rischiano di essere sfrattate per far posto al progetto petrolifero Tilenga della TotalEnergies e hanno ricevuto un risarcimento inadeguato da parte della società da 170 miliardi di dollari.

20 APRILE | Bath e Adelaide, Regno Unito e Australia: I funerali della natura si tengono agli antipodi del pianeta. Centinaia di ribelli in rosso attirano vaste folle mentre guidano marce solenni attraverso i centri delle città per piangere l'immensa e continua perdita di biodiversità in tutto il mondo.

20 APRILE | Boston, USA: XR Boston si oppone alla prevista espansione dell'aerodromo di Hanscom, che aumenterebbe i voli dei jet privati del 300% e cancellerebbe i benefici climatici di tutti i pannelli solari mai installati nello stato del Massachusetts. Due giorni dopo, 300 ribelli hanno occupato il Seaport Bridge e hanno chiesto al loro governatore di vietare tutte le nuove infrastrutture a combustibili fossili.

20 APRILE | Barcellona, Spagna: I ribelli in blu guidano una processione spirituale attraverso una parte antica della città per denunciare la cattiva gestione della storica siccità che sta devastando la Catalogna. Nella regione sono in vigore restrizioni idriche d'emergenza da febbraio.

22 APRILE | Globale: In tutto il mondo si svolgono azioni per la Giornata della Terra. In Svezia, 1500 attivisti della Mothers Rebellion uniscono sciarpe fatte a maglia e avvolgono la mega-sciarpa di 4,3 km intorno al palazzo del Parlamento. In Ruanda, gli attivisti piantano bambù lungo il fiume Miguramo per impedire l'inondazione dei terreni agricoli locali. Nella RDC, i ribelli visitano un campo profughi nell'est del paese e piantano alberi. In America, i ribelli organizzano un gala sul clima nella capitale e nominano il sindaco ospite d'onore (non si è presentato).

26-30 APRILE | Stoccolma, Svezia: I ribelli partecipano a cinque giorni di ribellione "House on Fire" nella capitale svedese. Hanno bloccato il distretto finanziario della città, occupato gli uffici di Stora Enso per l'ecocidio delle foreste in Uruguay e Brasile, si sono spogliati fuori da H&M e hanno interrotto un aeroporto.

27 APR | Torino, Italia: 150 ribelli occupano la sede del grattacielo della più grande banca italiana, Intesa Sanpaolo, per il suo generoso finanziamento a progetti per combustibili fossili. I ribelli hanno scalato l'esterno dell'edificio, occupato l'atrio e si sono incatenati all'ingresso. 60 persone sono state arrestate. L'azione dei ribelli è stata solo una delle tante nella città che ospitava un incontro del G7 su clima, energia e ambiente.

27 APR | Goma, RDC: XR Rutshuru raccoglie rifiuti di plastica lungo le rive del lago Kivu. Uno studio recente ha dimostrato che l'industria della plastica rilascia quattro volte più gas serra del settore aereo. All'inizio del mese, i ribelli hanno marciato per la città e hanno chiesto al governo congolese di sospendere immediatamente tutte le nuove estrazioni di petrolio e gas nel paese.


Da leggere, vedere, ascoltare

Gli ecoattivisti svizzeri hanno vinto un'importante causa legale dell'UE contro il loro governo.

Articolo: Se bruciamo - Imparare dal decennio delle proteste di massa
Il giornalista e scrittore americano Vincent Bevins parla del suo celebre libro "Se bruciamo", che analizza i motivi per cui molti dei recenti movimenti di protesta di massa hanno promesso tanto ma si sono risolti in un fallimento. L'autore spiega perché l'XR non è presente nel libro, le lezioni che il nostro movimento potrebbe imparare dai suoi casi studio e come gli accampamenti di studenti pro Gaza in America dimostrino che i movimenti di protesta stanno imparando dai fallimenti del passato. L'intervista è disponibile anche come podcast.

Podcast: Come le donne svizzere hanno vinto un'importante causa sul clima (26 min)
Un'attivista di KlimaSeniorinnen spiega come il suo gruppo di anziane attiviste per il clima ha vinto la causa contro il governo svizzero presso la Corte europea dei diritti dell'uomo, mentre un giornalista sul clima spiega cosa significa questa vittoria per i casi futuri.

Video: La lotta contro l'estrattivismo minerario a Panama (78 minuti)
Abbiamo parlato dell'incredibile ribellione di massa della popolazione di Panama contro l'industria mineraria nel Numero 83. Ora, Scientist Rebellion discute il movimento con due dei suoi leader ed esplora le lezioni che sono state apprese. L'intervista è in spagnolo - utilizzate i sottotitoli di YouTube per tradurla in altre lingue.

Articolo: Ocean Spray emette più PFAS dell'industria
La campagna di XR France contro il produttore di PFAS Arkema ha fatto sì che i pericoli di queste "sostanze chimiche eterne" fossero presenti in questa newsletter. Ora, una nuova ricerca ha scoperto che questi composti cancerogeni prodotti dall'uomo, dopo essersi infiltrati negli oceani, vengono spruzzati di nuovo sulle nostre coste in alte concentrazioni a causa dell'effetto aerosol delle onde oceaniche. Come suggerisce il soprannome, inquineranno queste coste per sempre.


Annunci

Aiutate XR Africa a cacciare chi inquina!

Donazioni entro il 15 MAGGIO

Il colonialismo sarà vivo e vegeto all'Africa Energies Summit di Londra. La corsa alle risorse dell'Africa dura da più di 150 anni. Ora deve finire!

Il 15 maggio, il giorno del summit, XR UK si unirà a 6 gruppi africani, XR Uganda, XR Ruanda, XR Sudan, XR Sierra Leone, XR RDC e XR South Africa, per lanciare una grande campagna di un mese per fermare lo sfruttamento dell'Africa da parte di Big Oil.

Non possono farcela da soli. Aiutate i nostri ribelli africani a pagare i materiali per l'azione e le altre spese.

Solo per una di queste azioni, la campagna di XR Rwanda per fermare la EACOP e le aste per le torbiere in Congo, servono 1.200 sterline per coprire i materiali, il trasporto e l'alloggio.

Ribellatevi con il vostro portafoglio! Aiutate a fermare la corsa all'Africa con una donazione ora!

Dona quello che puoi


Partecipa alla campagna "Liquidation Total"!

24 MAGGIO | Globale

TotalEnergies ha appena annunciato profitti record da 21,4 miliardi di euro per il 2023, mentre le bollette energetiche continuano ad aumentare. Il gigante del petrolio e del gas sta distruggendo la vita e violando impunemente i diritti umani in tutto il mondo.

Il team di Liquidation Total sta lanciando un'azione a Parigi il 24 maggio, e vogliamo che diventi globale! Chiediamo a tutti di opporsi a TotalEnergies e ai suoi azionisti!

Abbiamo rilasciato un kit per i media per i gruppi non francesi. Contiene tutto ciò che serve per comunicare l'azione e mobilitare le persone (compresi volantini, video, messaggi, informazioni sull'azione e altro).

Ci vediamo in piazza!


Ribelli del Regno Unito! Stop all'ecocidio in Colombia e Perù!

Scrivete ora!

Gruppi XR in Colombia (in alto), Argentina (a sinistra) e Perù (a destra)

XR ABYA-YALA, un'alleanza di gruppi di ribelli in Argentina, Colombia, Ecuador e Perù, nonché ABColombia, invitano i ribelli residenti nel Regno Unito a fare pressione sui loro parlamentari affinché firmino una prima mozione che sarà presentata al Parlamento britannico quest'anno.

Se approvata, questa legislazione limiterà le pratiche ecocide di società estrattive registrate nel Regno Unito come la Glencore, che gestisce miniere in Colombia e Perù che contaminano l'acqua, distruggono la biodiversità e minacciano le popolazioni indigene.

Inoltre, la legge impedirà a società come la Glencore di chiedere milioni di dollari di risarcimento ai governi della Colombia e del Perù per aver protetto i diritti delle popolazioni indigene.

Scrivete al vostro deputato usando questo modello. Chiedete loro di firmare la prima mozione 136.


Grazie

15 APR 2019 | Londra, Regno Unito: Una barca rosa in qualche modo naviga in Oxford Circus, solo uno dei cinque siti che i ribelli occupano simultaneamente in città, lanciando una ribellione che durerà 10 giorni e trasformerà Extinction Rebellion in un fenomeno globale. Per chi scrive, la vita non sarebbe stata più stata la stessa.

Grazie per aver letto, ribelle. Se hai domande o commenti, vogliamo sentirti. Contattateci all'indirizzo xr-newsletter@protonmail.com.


Questa newsletter è realizzata da XR Global Support, una rete mondiale di ribelli che aiutano il nostro movimento a crescere. Abbiamo bisogno di soldi per questo lavoro cruciale.

Dona quello che puoi


Sulla ribellione

Extinction Rebellion è un movimento decentralizzato, internazionale e politicamente apartitico che utilizza l'azione diretta non violenta e la disobbedienza civile per convincere i governi ad agire in modo giusto sull'emergenza climatica ed ecologica. Il nostro movimento è composto da persone di ogni estrazione sociale, che contribuiscono in modi diversi con il tempo e l'energia che possono mettere a disposizione. È probabile che abbiamo una filiale locale molto vicina a voi, e ci piacerebbe avere tue notizie. ... o .