Newsletter 36

Ondate di Ribellione Mondiale

Friday, February 14, 2020 by Extinction Rebellion

Carissimi ribelli,

Per chi non vede l'ora che arrivi San Valentino come per chi crede che sia solo un simbolo di tutto quello che c'è di sbagliato nel mondo, speriamo che accetterete una prova del nostro affetto nella forma di questa newsletter; che possa essere 'l'amore' dello slogan 'Amore e Rabbia'.

Oggi siamo lieti di annunciare che Organizzeremo Ondate di Ribellione in tutto il mondo

Nel corso di un'elettrizzante riunione internazionale, i ribelli hanno deciso che ogni paese organizzerà la propria "Ondata" di Ribellione in un periodo compreso tra aprile e giugno. Con oltre dodici stati già confermati ed impegnati a fissare le proprie date, Extinction Rebellion manderà sicuramente segnali in tutto il mondo! Per maggiori informazioni, consultate Prossimi Eventi.

In questa newsletter ci concentreremo sui Paesi Bassi, dove **35 ribelli sono stati brutalmente arrestati nel corso di una protesta di fronte al quartier generale della Shell; **e sulla **soleggiata Hollywood, dove il gruppo giovani di XR LA ha unito le forze con i leader di alcune comunità indigene per protestare **contro la totale mancanza di consapevolezza sui problemi ambientali nell'industria cinematografica.

A Monaco, alcuni ribelli si sono uniti ad oratori indigeni per interrompere una conferenza di azionisti della Siemens e protestare contro il costante finanziamento di pratiche ecocide.

Nel mentre, i ribelli australiani stavano ripagando le corporazioni mediatiche con la loro stessa moneta attraverso alcune brillanti azioni creative.

XR UK ha rilasciato la propria Strategia per il 2020, che conferma alcuni dei temi centrali per il resto dell'anno e anticipa la prima azione importante nel Regno Unito 'Together We March' prevista per il 22 febbraio.

XR Muslim ci ha fornito una guida su come relazionarci con la comunità musulmana. E da ultimo, nella sezione Membri di XR sentiremo la testimonianza di un' ex guardia giudiziaria che ha infranto la legge per il bene del pianeta

Per comunicare con i ribelli nella tua zona, contatta il gruppo XR più vicino. Se non c'è nessun gruppo vicino a te, puoi fondarne uno!

Precedenti edizioni della newsletter sono disponibili qui.

La Ribellione ha bisogno del tuo aiuto. Se non puoi contribuire direttamente, puoi supportarci tramite una donazione

Sostieni la Ribellione

Contenuti

Azioni Principali

Torna all’inizio

Brutalità della polizia e arresti di massa ad Amsterdam

31 gennaio - 1 febbraio | L'Aia, Paesi Bassi

Un coraggioso gruppo di ribelli membri del gruppo XR Paesi Bassi si è attaccato all'ingresso del quartier generale della Shell e ha versato "petrolio" davanti all'entrata, come parte di una coalizione di attivisti chiamata Shell Must Fall (la Shell deve cadere).

La protesta pacifica si è trasformata in una violenta dimostrazione di forza all'arrivo della polizia (https://denhaag.groenlinks.nl/nieuws/vragen-over-politieoptreden-bij-extiction-rebellion) che si è fatta largo a colpi di manganello, allontanando a forza i ribelli dal luogo della protesta e compiendo 35 arresti. In questo video, un poliziotto viene mostrato nell'atto di tappare la bocca ad un ribelle che sta chiaramente faticando a respirare. Alcuni ribelli sono stati trattenuti in custodia ben oltre il limite legale di nove ore, e l'ultimo ribelle è stato rilasciato dopo 48 ore.

La Shell afferma di elaborare le proprie strategie commerciali nel rispetto degli accordi di Parigi. Ma questi documenti risalenti agli anni '80 e un film per la pubblica divulgazione prodotto dalla stessa Shell nel 1991 dimostrano che l'azienda è consapevole da molto tempo dei rischi derivanti dall'utilizzo dei combustibili fossili e che intende continuare ad estrarre petrolio e gas naturale. Un chiaro esempio di un'azienda che considera i propri profitti più importanti del futuro della vita sul nostro pianeta.


Nessuna Hollywood su un pianeta morente

08 febbraio | Los Angeles, USA

Hollywood, ascoltaci: INFLUENZA MONDIALE = RESPONSABILITÀ MONDIALE(Photo: Dennis Noack/SpectralQ) Il giorno prima della cerimonia degli Oscar, il gruppo giovani di XR Los Angeles ha inscenato un drammatico die-in sotto la leggendaria insegna di Hollywood. L'obiettivo dell'evento nelle parole di uno degli organizzatori: “Hollywood esercita influenza in tutto il mondo, e quello che decide di fare o non fare manda un messaggio importante. Hollywood ha la responsabilità morale di diventare un narratore dell'emergenza climatica.” Disgustati dalle 15 milioni di tonnellate di CO2 che Hollywood produce ogni anno, il gruppo giovani di XR Los Angeles chiede di instaurare ispezioni annuali e raggiungere lo zero netto di emissioni di CO2 entro il 2025.

(Photo: Summer Dean)

Leader indigeni al centro del cambiamento

Come parte del die-in, il gruppo ha invitato **la leader di un gruppo di indigeni dell'Amazzonia Sonia Guajajaraa sedere al centro della clessidra umana. Il gesto voleva simbolizzare come il rispetto delle comunità indigene per la natura rappresenti la soluzione dell'emergenza climatica e distruzione ecologica.’ Oltre a queste conseguenze globali, il gruppo è molto sensibile alle problematiche locali. ‘Molte famiglie di Los Angeles sono vittime di un cosiddetto razzismo ambientale. Un numero spropositato di comunità a basso reddito, spesso di colore, è costretto a vivere in prossimità di raffinerie o altre strutture legate all'utilizzo dei combustibili fossili. ’


Una protesta contro la miniera Adani con un tocco australiano

05 febbraio | Monaco, Germania

Ribelli inscenano un “die-in” all'arrivo degli azionisti della Siemens (Photo: Helge Brügner)

Le comunità indigene Wangan and Jagalingou sono in prima linea nella lotta contro la miniera Adani Carmichael in Australia. Questa mega-miniera, che potrebbe esportare 700,000 milioni di tonnellate di CO2, scatenerebbe una vera catastrofe ambientale. La Siemens è l'unica compagnia disposta a fornire il sistema di segnalazione per le operazioni minerarie. Nonostante le pressioni internazionali, la Siemens ha rifiutato di rescindere il contratto. Alcuni attivisti australiani si sono recati in Germania e sono riusciti a rivolgersi direttamente agli azionisti della Siemens che hanno partecipato al meeting generale di Monaco il 5 febbraio. Murrawah Johnson, Varsha Yarman e la dottoressa Lindsay Simpson hanno discusso l'emergenza climatica e l'impatto della miniera Adani. Altri ribelli hanno tradotto i loro discorsi in tedesco.

Sette ribelli bloccati con attaccatutto al meeting generale della Siemens. (Photo: Helge Brügner)

I ribelli si sono presentati all'incontro in gran numero - alcuni hanno inscenato un "die-in" all'ingresso mentre sette ribelli si sono "incollati" nella sala conferenze e un altro ribelle si è trasformato in un “canguro della sicurezza” saltellando attraverso la sala. Annemarie Botzki di XR Germania ha commentato : ‘Combatteremo per il nostro futuro, la Siemens si vanta di stare conducendo la battaglia contro l'emergenza climatica e promette di raggiungere un tasso zero di emissioni entro il 2030quando in realtà sta continuando a supportare progetti che distruggeranno il nostro pianeta.’ Lukas Schnermann ha aggiunto : ‘Chiediamo che i dirigenti della Siemens agiscano in linea con i contenuti dei loro messaggi pubblicitarie si ritirino da ogni progetto dannoso per il pianeta.’


Str**zate e bugie: ribelli contro l’impero mediatico di Murdoch

29 gennaio - 1 febbraio | Brisbane & Sydney, Australia Il 29 gennaio, ribelli australiani hanno protestato contro la campagna mondiale di News Corp, accusata di diffondere disinformazione e negazionismo climatico. Hannoscaricato un camion di concime di fronte al quarter generale di Brisbane'per restituire alla News Corp alcune delle sue str**zate.’ Si sono poi incollati alle porte dell'ufficio.Il gruppo ha anche postatoun avviso su Gumtree per vendere il concime, specificando che 'se dovesse finire, ce n'è molto di più all'interno dell'edificio’!

Screenshot dell'avviso su Gumtree, Brisbane, Australia

Sydney: protesta si conclude con un “Lie-In”

Il 1 febbraio, centinaia di ribelli hanno protestato contro le bugie di Murdoch sul clima con un 'lie-in" di protesta di fronte al quartier generale di News Corp a Sydney.

Murdoch: una minaccia globale per il clima

La disinformazione e il negazionismo climatico di Murdoch non sono solo un problema australiano. Sono minacce globali. L'impero mediatico di Murdoch controlla oltre il 60% dei quotidiani venduti in Australia, ma controlla anche il 36% dei giornali venduti nel Regno Unito, il 50% delle licenze tv via cavo (Fox News) oltre al Wall Street Journal e il New York Post. Non c'è da stupirsi che il negazionismo climatico sia così forte in questi paesi. Ogni media controllato da Murdoch ha sempre supportato un messaggio che nega o minimizza l'esistenza e l'impatto del cambiamento climatico. Fortunatamente abbiamo un network mondiale di ribelli che vogliono dire la verità e sono determinati a smascherare bugie, diniego e corruzione. Bugiardi, state in guardia.


Guida a relazionarsi con le comunità mussulmane

Mussulmani di XRha realizzato**un'indispensabile guida che spiega come relazionarsi con le comunità mussulmane**nel Regno Unito. Questa guida potrebbe fornire un modello ad altri ribelli per coinvolgere comunità emarginate in tutto il mondo.

#Ogni comunità è diversa

Alessandra Palange ha sottolineato che il suo testo si rivolge in modo specifico alle comunità mussulmane del Regno Unito. ‘Dobbiamo ricordare che stiamo lottando contro ricche e potenti corporazioni transnazionali e l'emergenza climatica non conosce confini. Secondo Palange, dobbiamo coltivare identità che ci connettano oltre un concetto limitante come la cittadinanza’.

#Esci dalla tua bolla

Quasi il 25% della popolazione mondiale è mussulmana. Costruire ponti con le comunita mussulmane è di vitale importanza, che sia attraverso azioni coordinate o individuali. L'unico modo per affrontare l'emergenza climatica è accettare la nostra diversità e collaborare. Se fai parte di un gruppo marginalizzato e hai realizzato una guida simile, vogliamo sentire la tua opinione! Puoi contattare il Newsletter team all'indirizzo xr-newsletter@protonmail.com


XR Libera

Torna all’inizio

Altre toccanti e coraggiose azioni da parte di gruppi di XR in tutto il mondo. C’è così tanto da raccontare.

Ostenda, Belgio.

Johannesburg, Sud Africa. Circa 50 attivisti guidati da XR hanno manifestato davanti alla legislatura di Gauteng esortando il governo a dichiarare emergenza climatica. Photo: Zoe Postman.

Kandy, Sri Lanka. Il gruppo giovani di XR ha organizzato una vendita di piante di fronte al Tooth Relic Temple, donando oltre 300 piante.


Prossimi eventi

Torna all’inizio

Ondate di ribellione mondiale: ci inalzeremo come l’oceano

Maggio - Giugno | Ovunque nel mondo

100% Alla fine di gennaio, il Team di Supporto Internazionale di XR(GS) ha organizzato una videochiamata a cui hanno partecipato 50 ribelli provenienti da tutto il mondo. È stato il primo caso nella storia di XR in cui diversi paesi hanno deciso insieme come organizzare la prossima fase della ribellione. Abbiamo deciso di creare Ondate di Ribellione Mondiale nello stesso periodo (aprile-giugno) in tutto il mondo. Molti gruppi hanno già deciso le proprie date: Venezia - 20 febbraio, Paesi Bassi - 13 aprile, Svizzera - 16 aprile, Città del Messico, USA - 20, aprile, Settimana Africana del Clima - Uganda - 20-24 aprile, Italia - 24 aprile, Finlandia, Germania, Francia, Australia, Canada - 4 maggio, Austria - 11 maggio, Spagna - 18 maggio, UK, Argentina, Irlanda, Italia - 23 maggio, Norvegia - 2 giugno, Svezia - 6 giugno, Hong-Kong - 7, giugno, Bruxelles - 12 giugno. Altri gruppi si stanno aggiungendo e condividendo le proprie date di ribellione mondiale. Queste ‘Ondate di Ribellione’ culmineranno nella strategia di ostruzione di massa prevista in occasione della COP26 a novembre. Se vuoi unirti ad un gruppo o aggiungere un evento al calendario della ribellione, contattaci a questo indirizzo events@organise.earth o unisciti a noi su Mattermost.


Marciamo insieme - 22 febbraio

22 febbraio | 13.00 | Londra, Regno Unito

Marceremo sulla nostra capitale, e mostreremo i nostri cuori sui nostri abiti. Dobbiamo continuare ad unirci in uno spirito di amore incondizionato. Creatività per il pianeta. Indossa rosa o rosso. Crea il tuo cuore e appuntalo sui tuoi abiti in una marcia per la resistenza e solidarietà. Marciamo insieme. Unisciti a noi.


Contenuti di XR

Torna all’inizio *L’Antartide registra la temperatura più alta di sempre, 18.3°C *Quello del 2020 è stato il mese di gennaio più caldo nella storia. Oslo, Stoccolma, Helsinki and Copenhagen hanno registrato temperature sopra lo zero per tutto il mese e non ha nevicato in nessuna città tranne Oslo. *Un articolo su come il cambiamento climatico causi estremi eventi meteorologici - redatto da uno dei nostri Scrittori Ribelli


Membri di XR

Torna all’inizio

Stephanie "Ho 68 anni e sono un ex ufficiale giudiziario e manager psicoterapeuta presso la NHS in pensione. È la prima volta che vengo imputata di un crimine e non è stato facile mettermi in questa situazione … oltre che presentarmi in tribunale dall’altra parte della barricata rispetto alle mie precedenti esperienze professionali. Non avrei voluto essere costretta a farlo, e non è stato facile sapendo che le nostre azioni in aprile hanno causato ostruzionismo e impattato la vita di molte persone. Ma sentivo il dovere di agire di fronte al catastrofico futuro verso cui ci stiamo avviando. Il cambiamento climatico mi preoccupa da molto tempo, e in passato ho partecipato a manifestazioni, firmato petizioni e scritto ai miei rappresentanti politici. **Ma così come molti altri non ho mai accettato pienamente la gravità di ciò che ci attende, e ho continuato a vivere normalmente. **Riconosco di aver infranto la legge, ma abbiamo un disperato bisogno di urgente azione a livello governativo per evitare il disastro, e spero che riconoscerete che ho agito secondo coscienza nel cercare di fare la mia parte per far sì che questo succeda." Stiamo ricevendo storie straordinarie, e vogliamo sentire la tua. Per continuare a leggere o condividere la tua esperienza unisciti al nostro gruppo Facebook.


Grazie

Grazie per aver letto fin qui. Il nostro movimento è talmente ricco di novità e azioni che abbiamo a malapena il tempo di scrivere questa conclusione. Continua così! Per qualsiasi domanda, puoi contattarci all’indirizzo xr-newsletter@protonmail.com

Il tempo sta scadendo, unisciti a noi per combattere questa emergenza planetaria:

trova il tuo gruppo

Se preferisci contribuire in altro modo, puoi supportarci con una donazione.

Sostieni la Ribellione


About the Rebellion

Extinction Rebellion is a decentralised, international and politically non-partisan movement using non-violent direct action and civil disobedience to persuade governments to act justly on the Climate and Ecological Emergency. Our movement is made up of people from all walks of life, contributing in different ways with the time and energy they can spare. Chances are, we have a local branch very close to you, and we would love to hear from you. Partecipa …or consider making a donation.

Fatto con amore e rabbia Extinction Rebellion (XR) è un movimento fare-insieme. Tutti i nostri disegni e opere d'arte possono essere utilizzati non commercialmente allo scopo di salvare il pianeta. Questo non significa creare merce per raccolta fondi o mandare ad XR una percentuale delle vostre vendite. Non appoggiamo o creiamo alcuna merce e perseguiremo legalmente chiunque lo faccia. Il simbolo è stato progettato nel 2011 dall'artista di strada ESP, il quale presta ad XR l'utilizzo del logo sulla stessa base: www.extinctionsymbol.info