Global Newsletter #81

Il mondo è al collasso

Friday, October 13, 2023 by Extinction Rebellion

I ribelli olandesi sfidano un cannone ad acqua della polizia durante un epico blocco stradale di 4 settimane.

In questo numero: il megablocco di XR Netherlands | la ribellione di XR NYC | XR Taiwan

Caro ribelle, cara ribelle,

Il collasso climatico è iniziato e il mondo in cui viviamo sta collassando. Questo è stato il verdetto congiunto del capo delle Nazioni Unite e del Papa dopo che il mondo ha trascorso l'estate più calda dell'emisfero settentrionale mai registrata.

Ma non è solo il caldo a rappresentare una condanna a morte per così tante migliaia di persone. A settembre si è verificata un'ondata globale di tempeste e inondazioni improvvise che ha spazzato via intere comunità, la più devastante delle quali è stata in Libia, dove almeno 11.000 persone sono annegate.

Nel frattempo, i politici che hanno il potere di fermare questa distruzione evitano i vertici sul clima o tornano a politiche climatiche già inadeguate. E i think tank sostenuti dalle compagnie petrolifere criminalizzano le proteste per il clima e diffamano coloro che vi prendono parte.

Di fronte a questa realtà distopica, il nostro movimento ha risposto con ingegno e coraggio. Questo mese presentiamo azioni ribelli che mostrano nuovi livelli di determinazione, che sfruttano nuove tattiche e alleanze e che si svolgono in nuovissime regioni.

I ribelli olandesi restano fermi nella loro posizione contro i sussidi ai combustibili fossili.

In Azioni in evidenza, presentiamo un blocco stradale nei Paesi Bassi che è durato 27 giorni, ha visto l'arresto di 9.000 ribelli e ha spinto il Parlamento olandese a presentare una nuova legislazione che potrebbe portare all'abolizione dei sussidi ai combustibili fossili. Parleremo anche della ribellione a New York, dove XR NYC si è coordinata con decine di organizzazioni alleate per creare una settimana di azioni per le strade della città.

In Angolo della solidarietà, vedremo una nuova affascinante campagna che utilizza video deepfake, PR sofisticate, un iPhone modulare di fantasia e la buona vecchia protesta di strada per esortare il gigante Apple ad abbracciare un modello di business sostenibile.

Infine, in Humans of XR, parleremo con un ribelle che sta aiutando a far rinascere XR Taiwan, una parte del mondo che raramente riusciamo a trattare in questa newsletter.

I ribelli di New York vengono arrestati durante un blocco della Federal Reserve.

L'era del collasso climatico globale è arrivata, e molto prima di quanto molti si aspettassero. Ma non c'è tempo per disperarsi.

Dobbiamo invece prepararci. Per la devastazione che verrà, per la rabbia diffusa che scatenerà e per le azioni che possono incanalare questa rabbia in proteste, proteste abbastanza grandi da detronizzare le élite che ci hanno portato su questo baratro.


Questa newsletter è disponibile in più lingue. Utilizzate l'icona del mappamondo (in alto a destra) per cambiare lingua.

Iscriviti a questa newsletter

Questa newsletter è realizzata da XR Global Support, una rete mondiale di ribelli che aiutano il nostro movimento a crescere. Abbiamo bisogno di soldi per questo lavoro cruciale.

Dona quello che puoi


Contenuti

  • Azioni in evidenza: Il megablocco di XR Netherlands , la ribellione d'autunno di XR NYC
  • Riassunto delle azioni: Danimarca, USA, Bangladesh, Nepal, Polo Nord, Svezia, India, Zimbabwe, Australia, Uganda, Sudafrica, Brasile, Francia, Belgio, Gambia, Regno Unito, Austria
  • L'angolo della solidarietà: Act Different
  • Humans of XR: Jen, XR Taiwan
  • Da leggere: Tipping Point, Atlas Network, Planet Wreckers, UK U-turn
  • Annunci: Concorso fotografico, Ospiti del Podcast, Climate Cafe, Regen

Azzioni in evidenza

Quattro settimane di blocco danno un gran bel da fare al governo olandese

9 SETTEMBRE - 5 OTTOBRE | L'Aia, Paesi Bassi

I ribelli sfidano i cannoni ad acqua della polizia, così potenti da provocare lividi.

Il primo giorno, gli organizzatori dei ribelli si aspettavano 10.000 manifestanti. Ma a mezzogiorno ne erano già arrivati 25.000. La loro missione: bloccare l'A12, una strada importante che attraversa il cuore politico dei Paesi Bassi ogni giorno finché il governo non avrà abolito tutti i sussidi all'industria dei combustibili fossili.

Come per i precedenti blocchi dell'A12, la polizia ha subito utilizzato potenti cannoni ad acqua e ha picchiato i ribelli con i manganelli. Sono state arrestate 2400 persone, tra cui decine di minori. Ma la violenza della polizia non ha impedito ai ribelli di tornare.

Sono tornati, giorno dopo giorno, sempre a mezzogiorno, rafforzati da delegazioni di ribelli provenienti da Germania, Belgio, Danimarca e Regno Unito. I poliziotti hanno continuato con le intimidazioni, confiscando gli strumenti musicali (l'orchestra ha continuato a suonare), denunciando i ribelli minorenni e i loro genitori al servizio olandese di protezione dell'infanzia e hanno spento i cannoni ad acqua solo dopo che XR Netherlands li ha citati in tribunale.

Nonostante le violenze e le intimidazioni della polizia, i blocchi sono rimasti pacifici.

Alla fine, dopo 27 giorni di ribellione pacifica ininterrotta e più di 8.800 arresti, il blocco è stato sospeso a causa di una sorprendente svolta politica. Il governo ha presentato una mozione al Parlamento chiedendo di "ridurre i sussidi ai combustibili fossili".

I ribelli non torneranno in strada fino a quando la mozione non sarà stata approvata e valutata oppure non sarà respinta. Ma qualunque cosa accada, questo blocco è già diventato un esempio emblematico del potere della disobbedienza civile pacifica.

Gli attuali sussidi olandesi ai combustibili fossili sono stimati tra i 39,7 e i 46,4 miliardi di euro all'anno. Tale cifra sorprendentemente alta è emersa di recente da una ricerca indipendente e ha costretto il governo ad ammettere che i sussidi stavano ritardando la transizione verso l'energia verde.

Segui la campagna del blocco dell'A12 su Facebook e Twitter.


La ribellione di autunno unisce migliaia di persone

13 - 19 SETTEMBRE | New York, USA

Un'alleanza di attivisti blocca la Federal Reserve Bank a New York.

Elicotteri a terra, un museo occupato, banche bloccate, nudità in pubblico e 186 arresti: sono solo alcuni dei titoli della settimana di ribellione autunnale che ha visto i ribelli di tutto il paese confluire a New York prima che la città ospitasse il Climate Ambition Summit delle Nazioni Unite.

La ribellione è stata gestita secondo una nuova strategia che ha portato decine di gruppi per il clima protestare insieme e in armonia con i gruppi di XR. Come spiega un attivista di XR NYC, "ogni gruppo era alla guida di una singola azione, mentre gli altri gruppi e persone si univano a quante più azioni possibili in tutta la città".

XR NYC ha aperto la ribellione disturbando gli elicotteri dell'eliporto privato della città; la polizia ha posto fine alla protesta dopo 90 minuti. Nel frattempo, 50 attivisti di un'alleanza di gruppi ecologisti hanno bloccato la sede di BlackRock, uno dei principali finanziatori di nuovi progetti di combustibili fossili e quattro ribelli nudi hanno fatto irruzione su una passerella della settimana della moda di New York.

I banchieri di Citi si arrabbiano quando gli attivisti bloccano la loro sede ecocida.

L'alleanza ribelle è tornata la mattina dopo per bloccare tutti e dieci gli ingressi alla sede di Citibank, la quale rivendica la propria leadership climatica pur essendo il secondo finanziatore mondiale dei combustibili fossili (332 miliardi di dollari dall'Accordo di Parigi). I banchieri arrabbiati hanno cercato (senza riuscirci) di farsi strada tra le centinaia di attivisti per andare al lavoro.

La tattica di blocco sono state ripetute alla Federal Reserve Bank, dove sono stati arrestati così tanti attivisti che hanno dovuto fare la fila lungo Wall Street in manette in attesa che la polizia li portasse via. La stessa tattica è stata usata di nuovo al Museo d'Arte Moderna, legata a un miliardario coinvolto in progetti di combustibili fossili in terre indigene, costringendolo a chiudere per tutto il giorno dopo che i ribelli lo hanno occupato per oltre cinque ore.

Il popolo della Nazione Wetʼsuwetʼen blocca il Museo dʼArte Moderna per i suoi legami con un miliardario che sta finanziando un gasdotto illegale che passa per la sua terra.

L'apice della ribellione è stata una grande marcia che ha visto decine di migliaia di attivisti per il clima, scienziati, gruppi indigeni e sindacati riversarsi per la città per chiedere la fine dei combustibili fossili. La marcia è parte di un'ondata globale organizzata dalla March To End Fossil Fuels e ha dimostrato le incredibili alleanze createsi nella città.

"Abbiamo una coalizione molto forte e diversificata a New York", dice la nostra fonte XR NYC. "Abbiamo invitato persone da tutto il paese, ci hanno aiutato con la logistica, hanno guidato le proteste, si sono occupate del supporto nelle carceri. È stato un enorme melting pot che ha riunito migliaia di persone. E per la prossima ribellione inviteremo il mondo intero".

Segui XR NYC su Twitter e Instagram.


Riassunto delle azioni

13 SETTEMBRE | Danimarca: Vittoria! Danske Bank ha disinvestito dal gigante corrotto del carbone Adani Group dopo una campagna sostenuta da Scientist Rebellion Denmark e da altri gruppi ecologisti. L'attivismo funziona!

15 - 17 SET | In tutto il mondo: Più di 600.000 persone si uniscono alle marce in tutto il mondo per chiedere la fine dei combustibili fossili. Lo storico fine settimana di azione è stato organizzato dalla Lotta globale per la fine dei combustibili fossili in collaborazione con migliaia di organizzazioni, tra cui XR e Fridays For Future. Le marce si sono svolte in 60 paesi (persino al Polo Nord) e sono culminate a New York, dove i leader mondiali si sono riuniti per il Summit delle Nazioni Unite sul clima. Foto: New York, Bangladesh, Nepal, Polo Nord.

15 - 23 SETTEMBRE |In tutto il mondo: Le madri e i loro alleati hanno formato dei circoli in 81 città di sei continenti nell'ambito della seconda Global Mothers Rebellion. Altre immagini dei sit-in simbolici sono disponibili sul sito web di Mothers Rebellion. Foto: Svezia (Jonathan Pye) India, Regno Unito, Zimbabwe.

15 SETTEMBRE | Melbourne, Australia: I ribelli si sono riuniti contro le esplorazioni sismiche per la ricerca di gas al largo della costa della Victoria meridionale, dove vivono balene e altre preziose specie marine. Hanno visitato l'autorità australiana di regolamentazione dell'energia offshore per chiedere la fine dell'estrazione del gas, che rilascia grandi quantità di metano, un gas serra che causa un riscaldamento 86 volte superiore rispetto alla CO2. Foto: Julian Meehan

15 SETTEMBRE | Kampala, Uganda: La polizia arresta 4 studenti attivisti per il clima mentre protestano contro le banche che finanziano l'EACOP (East African Crude Oil Pipeline). Un attivista ha richiesto assistenza medica d'emergenza dopo l'arresto. Sono stati imprigionati per cinque giorni per aver "causato disagi al pubblico" prima di essere rilasciati su cauzione.

19 - 21 SETTEMBRE | Johannesburg, Sudafrica: XR Gauteng occupa la sede della Standard Bank chiedendo che l'istituto parli apertamente dei suoi finanziamenti ai combustibili fossili. La sicurezza privata ha trascinato i ribelli (e un giornalista) fuori dall'atrio e ha reso i statao di incoscenza uno di loro. Imperterrito, il gruppo ha allestito un campo di protesta all'esterno dell'edificio. Dopo 3 giorni, la sicurezza ha usato pugni, calci e cappi per sgomberare l'accampamento. Un ribelle è stato trascinato dalla polizia nella sede della banca e trattenuto per 4 ore prima di essere trasferito in una stazione di polizia e trattenuto per tutta la notte. XR Gauteng sta pianificando una manifestazione ancora più grande alla Standard Bank nel prossimo futuro.

21 SETTEMBRE | Brasile: Vittoria! La Corte Suprema respinge una proposta che avrebbe potuto legalizzare il furto delle terre indigene da parte delle società minerarie. Centinaia di migliaia di indigeni hanno rischiavato di essere sfrattati dalle compagnie minerarie, di trivellazione e agricole se non fossero stati in grado di dimostrare di vivere sulla loro terra il 5 ottobre 1988, giorno della firma della Costituzione nazionale. Qualche giorno dopo il verdetto, una nuova riserva per le tribù vergini del Perù è stata approvata dal governo peruviano dopo una campagna durata 17 anni. Foto: Tukumā Pataxó / APIB

22 SETTEMBRE | Parigi, Francia: Ribelli e attivisti di ATTAC France occupano l'aeroporto di Le Bourget. Hanno tagliato le recinzioni e piantato alberi da frutto sulla pista per impedire agli ultra-ricchi di usare i loro jet privati ecocidi nel fine settimana. La polizia è arrivata subito e ha arrestato 13 attivisti.

23 SETTEMBRE | Gand, Belgio: Per la quarta volta, i ribelli organizzano un "picnic di disobbedienza civile" sulla circonvallazione interna della città. 135 attivisti si sono riuniti sull'asfalto per chiedere al governo di smettere di sovvenzionare l'industria dei combustibili fossili con 13 miliardi di euro all'anno. Dopo 14 ore, la polizia è intervenuta e 14 ribelli sono stati arrestati.

25 SETTEMBRE | Banjul, Gambia: XR Gambia organizza il suo primo seminario sul cambiamento climatico.

25 SETTEMBRE | UK: 240 persone in tutto il Regno Unito replicano l'azione di una ribelle che attualmente rischia il carcere per aver picchettato fuori dal tribunale. La ribelle ha tenuto il suo cartello sui diritti delle giurie durante un processo sul clima lo scorso marzo. L'ha fatto perché il giudice ha vietato agli attivisti climatici perseguiti di menzionare il cambiamento climatico nella loro difesa. Gli attivisti per le libertà civili ritengono che la sua incriminazione sia parte di un crescente attacco al diritto di protesta da parte del governo britannico.

28 SETTEMBRE | Vienna, Austria: I ribelli bloccano una corsia di una strada principale nel centro della città per protestare contro la costruzione di una nuova autostrada. Hanno portato un'impalcatura di legno di 6 metri e si sono incatenati ai tubi metallici, offrendo un assaggio dell'ingorgo che la A26 porterà in futuro. I costi del mega-progetto sono lievitati del 60% dall'inizio della progettazione e i ribelli hanno chiesto che gli 1,19 miliardi di euro venissero invece utilizzati per sanità, istruzione e conservazione ambientale.


Angolo della solidarietà: Act Different

Il sito web Act Different lancia iPhone Infinite.

A settembre, un collettivo internazionale di oltre 50 attivisti, tra cui i ribelli e i "laughtivist" (attivisti che si basano sull'umorismo) di The Yes Men, hanno lanciato Act Different.

Il sito web contiene animazioni, foto e persino il piano tariffario di un nuovissimo iPhone, l'iPhone Infinity: un iPhone modulare, riparabile e personalizzabile a basso impatto ambientale che potrebbe durare per tutta la vita!

Meglio ancora, puoi guardare il lancio da parte del CEO di Apple non solo dell'iPhone Infinity, ma anche di un intero nuovo modello di business, che vede la più grande azienda al mondo anteporre il benessere dei lavoratori Apple e del pianeta ai profitti aziendali.

Purtroppo, l'iPhone Infinity non esiste, e nemmeno il nuovo modello di business sostenibile. La presentazione del CEO è un video deepfake creato con l'aiuto dell'intelligenza artificiale. Ma questa campagna è così convincente che potresti crederci! E questo è esattamente ciò che i creatori volevano. Lo chiamano atto psicomagico, una tattica di visualizzazione terapeutica per mostrare alle persone come potrebbe essere la vera responsabilità sociale d'impresa.

Attivisti a Londra aggiungono l'iPhone Infinity ai dispositivi Apple in negozio (a sinistra) e attivisti a Edimburgo tengono un discorso fuori da un Apple Store (a destra)

Il collettivo ha lavorato per mesi al progetto e ha già attirato l'attenzione dei media. Ma questo è solo l'inizio. In tutto il mondo, ribelli e altri attivisti hanno visitato gli Apple Store per pubblicizzare l'Apple Infinity e parlare ai clienti di produzione sostenibile e diritto alla riparazione.

La campagna mira a riunire gli stakeholder di Apple, tra cui i produttori, i dipendenti e i consumatori, per fare pressione sull'azienda affinché non si limiti a "pensare diversamente" (Think Different), ma che agisca diversamente (Act Different).

A tal scopo, il collettivo ha creato la Apple Alliance, un gruppo di lavoro impegnato a rivoluzonare Apple. In una lettera aperta al CEO di Apple (quello vero, non la versione AI!), lo invitano a unirsi all'Alleanza per realizzare un cambiamento positivo. Stiamo ancora aspettando la sua risposta, ma la campagna continuerà, con o senza di lui!

Visita il sito web di Act Different, seguili su Instagram e firma la loro petizione.


Humans of XR:

Jen, XR Taiwan

Jen (a destra) con i compagni di XR Taiwan. I loro striscioni recitano "Extinction Rebellion" e "Questa è un'emergenza" in mandarino.

Vengo dagli Stati Uniti ma vivo a Taiwan da sette anni. Nel 2019 ho creato un gruppo XR locale a Taipei. Ero sempre più preoccupata per lo stato del clima e per la totale mancanza di una risposta adeguata da parte dei governi globali. All'epoca non c'erano molti movimenti di attivisti per il clima nella mia zona e ho lavorato duramente per la nascita di XR Taiwan. Ma per motivi personali mi sono dovuta ritirare nel 2021.

Negli ultimi mesi ho avuto un po' più di tempo ed energia da dedicare all'attivismo, così ho lavorato con degli amici per far rinascere il gruppo. Per la nostra prima azione, alcuni di noi che normalmente si incontrano online si sono riuniti in un parco per una sessione di meditazione e abbiamo steso degli striscioni con un codice QR in modo che i passanti potessero trovarci su Facebook. Non è stato un grande evento, ma è stato davvero bello incontrarsi di persona e riprendere le attività.

La mia decisione di tornare all'attivismo è stata in parte motivata dal fatto di essere diventata madre. La mia responsabilità di genitore mi ha fatto sentire ancora più intensamente l'urgenza dell'emergenza climatica. So che non posso fare tutto, ma devo fare qualcosa. Voglio che mio figlio sappia che ho cercato di fare quello che potevo.

Sono anche un'insegnante e mi preoccupo molto per i miei studenti, per quello che sarà il loro futuro. Vivendo a Taiwan, siamo fin troppo consapevoli del grande pericolo dell'innalzamento del livello del mare.

Con la crisi che avanza sempre più velocemente, è facile cadere nello sconforto, ma cerco di rimanere fiduciosa. Far parte della comunità internazionale di XR mi dà speranza e forza. Creare legami con altri gruppi, vedere altre persone in tutto il mondo che agiscono e costruire una comunità mi ispira molto.

So che il burnout è un rischio reale. Si può essere così entusiasti e ambiziosi, fare troppe cose e poi venirne sopraffatti. Ho imparato a essere più saggia, a non sovraccaricarmi, a fare solo quello che posso, in modo da poter andare avanti nel lungo termine. In quanto buddista, trovo che la meditazione sia una grande fonte di sostegno.

Sembra che i disastri climatici, sempre più gravi e frequenti, stiano svegliando sempre più persone e le stiano portando all'attivismo. Questo mi dà speranza. Lo stesso vale per la comunità globale di XR: ho sentito molto calore e sostegno da quando sono tornata. Anche se niente di tutto questo è facile, sono speranzosa e sono pronta per le nostre prossime azioni.

Se conosci (o sei) un ribelle da qualche parte nel mondo con una storia da raccontare, contatta xr-newsletter@protonmail.com


Da leggere

Un ribelle olandese vede il lato divertente delle tattiche della polizia durante il recente blocco dell'A12.

Podcast: Tipping Point
Un podcast in tre parti su come un gruppo di giovani scienziati abbia pubblicato nel 1972 uno studio rivoluzionario intitolato "I limiti della crescita". Prevedeva la crisi ecologica che stiamo vivendo oggi, ma è stato ignorato. Una storia straziante e stimolante sulle idee che ora stanno finalmente fiorendo nel movimento della decrescita.

Articolo: L'oscura rete globale che diffama i manifestanti per il clima
Il New Republic indaga su Atlas Network, una rete poco conosciuta ma enormemente potente di think-tank legati alle società petrolifere che diffamano i manifestanti per il clima e scrivono le leggi per metterli in prigione.

Report: Distruttori di pianeti: come 20 Paesi rischiano di provocare il caos climatico
Oil Change International illustra come soli 20 paesi siano responsabili del 90% delle emissioni di CO2 derivanti dall'estrazione di petrolio e gas previste da qui al 2050. Gli Stati Uniti, il Canada, l'Australia, la Norvegia e il Regno Unito, i paesi che più facilmente potrebbero permettersi di eliminare gradualmente petrolio e gas, sono responsabili della maggior parte di queste emissioni.

Video: Notizie da un mondo in flusso
XR UK mette in evidenza le notizie principali sull'attivismo climatico e sulla scienza in queste discussioni mensili tra un co-fondatore di XR e uno scienziato della conservazione. In questo episodio si parla dell'inversione di rotta del governo britannico sugli obiettivi di zero emissioni, di come i think tank si stiano assumendo la responsabilità e della ribellione nei Paesi Bassi.

Articolo: Dalla parte sbagliata della storia
Il blog di XR Global spiega come il governo britannico abbia stracciato gli impegni sul clima con l'aiuto di think tank poco affidabili e abbia ripetutamente sminuito il ruolo della nazione nella distruzione del clima.


Annunci

Concorso fotografico globale XR 2023

Scadenza: 1 NOVEMBRE

XR Global Support organizza un concorso fotografico globale. Invia la tua foto migliore sul tema dell'ACQUA.

Questo concorso è un'opportunità per sensibilizzare l'opinione pubblica sulle sfide e le lotte che riguardano una fonte di vita fondamentale, l'acqua. Le immagini selezionate faranno parte di una mostra itinerante, di una mostra online e 12 immagini saranno pubblicate su un calendario.

Scadenza per la presentazione: 1 novembre 2023. Per maggiori informazioni, visita il nostro sito web.


Everyday Rebels: Il podcast di XR Global cerca ospiti

Fai domanda ora

Conosci un attivista per il clima con una storia che merita di essere raccontata?

Questa è la tua occasione per nominare qualcuno che dovrebbe essere intervistato su Everyday Rebels, il prossimo podcast di XR Global. Puoi anche autonominarti!

Compila questo breve modulo per spiegare perché il tuo candidato dovrebbe partecipare al podcast (sii paziente, potrebbe volerci un po' per caricarsi).

Se riteniamo che sia la persona giusta, ci metteremo in contatto per pianificare un'intervista. Grazie per aiutarci a raccontare storie significative da e per il nostro bellissimo movimento!

Per domande o suggerimenti sul podcast, invia un'e-mail a: podcast@rebellion.global


XR Global Support: Unisciti a noi!

Fai domanda ora

Ti interessa a unirti a XR Global Support e a lavorare con i ribelli di tutto il mondo?

La nostra missione è quella di aiutare ad avviare e far crescere gruppi XR locali in tutto il mondo, offrendo formazione, risorse, supporto tecnico, promozione sui media e altro ancora.

XR Global Support Fundraising è alla ricerca di volontari da inserire nel proprio team.

Ti interessa? Basta avere un computer, un po' di tempo libero e un grande impegno nell'attivismo per il clima.

Come primo passo compila questo modulo di registrazione dei volontari.


GS Regen: Climate Café

25 OTT | 07:00 - 08:30 UTC | Online

GS Regen organizza ogni mese dei Climate Café gratuiti per i ribelli. Un Climate Café è uno spazio informale, aperto, rispettoso e confidenziale per condividere in sicurezza pensieri, sentimenti e risposte emotive all'emergenza climatica ed ecologica.

Unitevi ai facilitatori Christie, Cerrie e Sam per un'esperienza tranquilla, riflessiva e di sostegno, non pensata per portare i partecipanti a una conclusione o a un'azione particolare.

Registrati qui per il Climate Café di mercoledì 25 ottobre dalle 07:00 alle 8:30 UTC


GS Regen: Regen 101 Workshop

31 OTTOBRE | 23:00 UTC | Online

GS Regen organizza ogni mese un workshop gratuito di Regen 101 per i ribelli.

Regen 101 è una bellissima introduzione alle culture rigenerative per coloro che sono nuovi a XR e un'esperienza essenziale per coloro che sono già attivi nel movimento. Esperienziale, pratico ed educativo, il workshop si snoda tra gli argomenti in modo che il gruppo se ne vada con una comprensione dell'attivismo rigenerativo nella pratica.

Unisciti alle nostre facilitatrici, Christie e Cherry, in questa esperienza arrichente che spiega le culture rigenerative e tratta temi quali le emozioni della terra, la cura di sé, il burnout e altro ancora.

Registrati qui per il Workshop Regen di martedì 31 ottobre alle 23:00 UTC

Per ulteriori eventi e formazioni globali, visitare XR Global Support Events.


Grazie

Una drag queen ribelle usa il suo carisma, la sua unicità, la sua forza d'animo e il suo talento per illustrare per bene la sua opinione durante il blocco dell'A12 nei Paesi Bassi.

Grazie per aver letto, ribelle. Se hai domande o commenti, vogliamo sentirti. Contattaci all'indirizzo xr-newsletter@protonmail.com.


Questa newsletter è realizzata da XR Global Support, una rete mondiale di ribelli che aiutano il nostro movimento a crescere. Abbiamo bisogno di soldi per questo lavoro cruciale.

Dona quello che puoi


Sulla ribellione

Extinction Rebellion è un movimento decentralizzato, internazionale e politicamente apartitico che utilizza l'azione diretta non violenta e la disobbedienza civile per convincere i governi ad agire in modo giusto sull'emergenza climatica ed ecologica. Il nostro movimento è composto da persone di ogni estrazione sociale, che contribuiscono in modi diversi con il tempo e l'energia che possono mettere a disposizione. È probabile che abbiamo una filiale locale molto vicina a voi, e ci piacerebbe avere tue notizie. ... o .